Ultim'ora

Pietramelara – Incendio alla cartiera, dopo 8 anni avviata la distruzione della cellulosa sequestrata

Pietramelara – Sono trascorsi circa otto anni da quando un incendio distrusse una parte del deposito dalla cartiera ubicata in località Pantani, nell’area industriale di Pietramelara. La Procura della Repubblica avviò una indagine con l’ipotesi di un dolo nei fatti. Una indagine lunga che tuttavia non sarebbe riuscita da individuare eventuali responsabili. Nel frattempo la proprietà è cambiata, così come molti operai sono andati via ed altri sono arrivati. Mentre tutto cambiava resta immobile solo quella fetta di struttura, adibita a deposito, che fu attaccata dalle fiamme. Ora, finalmente, la Procura ha concesso il dissequestro della zona permettendo lo smaltimento di quella cellulosa; materia prima che non potendo più essere utilizzata per aver perso le qualità stesse del prodotto, sarà avviata alla distruzione. Il servizio è stato affidato ad una ditta locale che probabilmente dopodomani, mercoledì, dovrebbe avviare i lavori per il prelievo e lo smaltimento dei materiali da distruggere.

Leggi anche:

ESCLUSIVA / PIETRAMELARA – LE FIAMME DIVORANO IL PIAZZALE DELLA CARTIERA, NON SI ESCLUDE LA PISTA DOLOSA. L’AREA E’ SOTTO SEQUESTRO

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Teano / Vairano Patenora – Migliori scuole della provincia: nell’Alto Casertano bene Alberghiero Teano e Professionale Vairano. Male tutte le altre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.