Ultim'ora

Benessere della casa: oggi è possibile togliere l’umidità in modo definitivo?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

L’umidità in casa rappresenta un problema serio, in grado di compromettere le strutture murarie e nuocere alla salute.

Un livello eccessivo d’acqua nelle murature, infatti, può accelerare il degrado dei materiali costruttivi e dei rivestimenti, inoltre favorisce la comparsa delle muffe peggiorando la qualità dell’aria.

Le muffe esercitano un effetto negativo sulla salute, in quanto le spore tendono a disperdersi nell’aria e provocare una serie di disturbi respiratori, con un’azione potenziata sulle persone vulnerabili come i bambini, gli anziani e i soggetti con patologie croniche. Allo stesso tempo, l’umidità può ridurre il comfort termico, diminuendo il benessere abitativo all’interno dei locali chiusi.

Per tale motivo, è importante riporre la giusta attenzione alla prevenzione, attraverso delle buone abitudini che evitano l’accumulo di acqua nelle murature, così come sapere cosa fare nel caso di comparsa del fenomeno.

In questo caso, un aiuto può arrivare anche dalla guida che spiega come togliere l’umidità in casa messa a disposizione da Murprotec, realtà di riferimento del settore a livello internazionale, con un’esperienza sul mercato di oltre 60 anni.

Rimedi e accorgimenti per la prevenzione dell’umidità nelle abitazioni

La presenza di umidità nelle abitazioni può essere prevenuta attraverso una serie di buone pratiche. Innanzitutto, non bisogna stendere il bucato in casa, ma lasciare asciugare gli indumenti umidi in balcone oppure nel terrazzo condominiale.

In alternativa, laddove non fosse possibile, è consigliabile mettere gli abiti in una stanza chiusa con un deumidificatore accesso, evitando che le goccioline d’acqua si propaghino anche negli altri ambienti dell’abitazione, ventilando bene il locale dopo l’asciugatura dei vestiti.

Bisogna anche garantire una corretta circolazione dell’aria in casa, aprendo regolarmente le finestre per un adeguato ricambio d’aria e utilizzando quando necessario dei sistemi di ventilazione idonei. Una soluzione interessante è l’utilizzo di piante che assorbono l’umidità, specie come l’aloe vera, le orchidee e l’asparagina, in grado di agire come dei deumidificatori naturali per ridurre l’umidità in ambienti come cantine, seminterrati o bagni.

Inoltre, durante la cottura dei cibi è importante lasciare aperta la finestra della cucina, per evitare che il vapore acqueo rimanga all’interno del locale e comprometta le murature, ventilando con attenzione anche il bagno dopo la doccia, soprattutto durante la stagione invernale.

Ad ogni modo, in presenza di umidità in casa è importante contattare dei professionisti, per valutare insieme a uno specialista le migliori opzioni per intervenire in modo non invasivo e risolvere in maniera definitiva questo problema.

Le migliori soluzioni definitive contro l’umidità in casa

Tra le soluzioni più efficaci per eliminare definitivamente l’umidità è possibile annoverare l’installazione di un impianto CTA Murprotec, un sistema centralizzato per la depurazione dell’aria esterna preriscaldata da immettere dentro l’abitazione, per usufruire di un’adeguata ventilazione negli ambienti indoor e rimuovere particelle nocive per la salute.

Questa soluzione definitiva è particolarmente adatta negli immobili con un elevato livello di isolamento termico, dove il ricambio d’aria è essenziale per evitare la comparsa dell’umidità. Allo stesso modo, è possibile proteggere la salute depurando l’aria da polveri, gas, batteri e virus che possono rendere poco salutari gli spazi chiusi, rendendo al contempo l’abitazione protetta contro l’umidità e i rischi legati all’inquinamento esterno.

L’utilizzo di un dispositivo specifico permette di tutelare l’abitazione contro le conseguenze dell’umidità e della condensa, soprattutto dalla formazione di muffe pericolose per la salute, riducendo l’insorgere di disturbi respiratori come le allergie.

Rinnovare periodicamente l’aria interna della casa consente anche di proteggere le murature, diminuendo il rischio di deterioramento delle pareti causato da una concentrazione eccessiva di acqua nei muri dell’abitazione.

L’aria umida, infatti, viene espulsa rapidamente e sostituita da aria prelevata dall’esterno e purificata, un processo che minimizza il rischio che l’acqua presente nell’aria troppo umida possa depositarsi nelle murature e infiltrarsi al loro interno.

Si tratta di una soluzione definitiva con effetto di lungo termine, ideale per le case con problemi di umidità in cui si vuole intervenire in modo risolutivo, per beneficiare di un ambiente indoor più sicuro, confortevole e salubre.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

Pos mobili, cosa dice la legge e come scegliere?

Tempo di lettura stimato: 2 minuti A partire dal 30 giugno 2022 in Italia è scattato l’obbligo di accettare pagamenti con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5 − quattro =

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.