Ultim'ora

Piedimonte Matese – Furti, derubata la madre della Consigliera comunale Zoccolillo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Piedimonte Matese – Una visita veloce alla tomba di famiglia, una piccola ma fatale disattenzione e i ladri hanno colpito. E’ successo davanti al cimitero del capoluogo matesino dove i soliti ignoti hanno rubato la borsa, con documenti e soldi, facendo perdere ogni traccia. La vittima, moglie di un noto imprenditore del paese e madre della neo consigliera comunale di maggioranza Amalia Zoccolillo. E’ la stessa vittima a raccontare la vicenda attraverso un post sui social: “Ho peccato di ingenuità stamattina. Ho lasciato la borsa in macchina, chiusa, parcheggiata davanti all’ingresso vecchio del cimitero. Volevo cambiare velocemente i fiori sulla tomba di mio padre, che da proprio sulla strada. 10 minuti, una corsa coi fiori, un saluto a lui e a mio suocero e al ritorno, in macchina la borsa non c’era più. Ho perso, oltre alla patente, alla tessera sanitaria e al bancomat – inutilizzabile perchè senza pin – tanti effetti personali tra cui i miei occhiali e il cellulare. Mi sento senza identità. Sono stati fulminei e spietati, perchè ero a pochi passi da loro. Ho fatto poca attenzione e, purtroppo, questi sono i risultati. Viviamo in un mondo dove dobbiamo costantemente guardarci alle spalle”.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

Piedimonte Matese / Napoli – Concorsi, il difensore Civico della Campania accusa: pressioni di Loffreda per “sistemare il proprio figlioccio”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese / Napoli – Il difensore civico della Campania, Giuseppe Fortunato, denuncia possibili brogli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.