Ultim'ora

Riardo – Morto durante battuta di caccia, domani l’esame medico legale sulla salma di Giovanni

Riardo – Potrebbe svolgersi nella giornata di domani – 14 gennaio 2022 – l’esame medico legale sulla salma del 48enne riardese morto, ieri, durante una battuta di caccia nel territorio del comune di Colli a Volturno, in provincia di Isernia. La salma, attualmente bloccata all’istituto di medicina legale del capoluogo pentro potrebbe essere liberata subito dopo l’autopsia e messa a disposizione dei familiari per i funerali. Una tragica battuta di caccia, una banale scivolata, la caduta, il fucile gli sfugge dalle mani e scivola verso il basso. Improvvisamente parte un colpo che colpisce la vittima all’interno della coscia, quasi nella zona inguinale, devastando l’arteria. Un amico di battuta, che avrebbe visto tutto, si è precipitato in suo soccorso facendo scattare immediatamente l’allarme. Purtroppo, per la gravità delle ferite e per l’enorme emorragia provocata dalla ferita, l’uomo è morto in pochissimi minuti. Quando sono arrivati i soccorsi, che hanno impiegato molto tempo considerato che l’incidente è avvenuto in piena montagna, Giovanni Montaquila era già privo di vita. Intanto l’intera comunità riardesi si stringe intorno alla famiglia Montaquila e la famiglia Betti. Una tragedia che ha scosso tutti.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Piana di Monte Verna – Diniego ingiustificato degli atti richiesti, consigliere comunale chiede l’intervento del Prefetto: denunciato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.