Ultim'ora

Teano / Arce – Delitto Mollicone, il maresciallo del RIS: le impronte digitali trovate non sono degli imputati

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Teano / Arce – Una udienza favorevole agli imputati, quella che si è svolta pochi giorni fa, presso il Tribunale di Cassino, nell’ambito del processo per la morte della giovane Serena Mollicone.  Nel corso dell’udienza è stato ascoltato il maresciallo del Ris che ha effettuato il rilevamento delle impronte digitali. Il militare ha confermato che non è stata trovata traccia di nessuno degli imputati. Per il consulente della Procura – Ernesto D’Aloja – Serena Mollicone è stata sbattuta contro una porta e non ha avuto modo di difendersi dal suo assassino. Dagli esami sul corpo di Serena sono emerse ecchimosi solo sul lato contro il quale ha sbattuto la testa. Non ha provato a difendersi tanto è stata repentina la sua morte. Il medico legale, che non ha saputo dare una spiegazione alla sparizione degli organi appartenuti alla donna ed avvenuta nel corso degli anni, ha poi spiegato che Serena Mollicone è deceduta nel primo pomeriggio di venerdì primo giugno 2001. Sotto processo per la morte della giovane ci sono cinque persone, tra cui il maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, suo figlio Marco e sua moglie Annamaria, tutti di Teano.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

IL DRAMMA DI ELIA – Giovane madre impiccata, ieri l’ultimo viaggio della 22enne

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Faicchio / Gioia Sannitica – Ieri pomeriggio la comunità di Faicchio ha partecipato in massa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.