Ultim'ora

SESSA AURUNCA – E’ morta la regina del Falerno, imprenditrice stroncata a 45 anni

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

SESSA AURUNCA – E’ stata stroncata da un malore improvviso la regina del vino Falerno. Maria Felicia Brini aveva 45 anni e da circa un ventennio guidava con grande successo l’azienda vinicola che porta il suo nome, Masseria Felicia, che ha sede nella in una tenuta di Carano, frazione del comune di Sessa Aurunca. I funerali si terranno oggi alle ore 15 nella chiesa di Carano.
Felicia sulla pagina social della sua azienda, raccontava così la nascita della sua passione per la terra, la vigna e per il vino:
“C’era una volta una vigna e una passione, è il 1995 quando mio padre Alessandro Brini, mia madre Giuseppa Ruggiero, decidono di ristrutturare un casale di inizio Novecento e di reimpiantare sul suolo lasciato a riposare, appartenuto alla famiglia da sempre, una nuova piccola vigna. Un ettaro e mezzo di Aglianico e Piedirosso, per cominciare e per continuare, a fare il vino “della famiglia”, come da sempre è stato fatto con le vigne quarantennali, ancora esistenti. Nel 1999 la vigna è pronta per farsi cogliere, per consegnare il suo primo prodotto, solo 500 bottiglie come risultato della vendemmia. Un vino che sembra essere particolarmente dotato, vinificato con il piccolo torchio a legna, e conservato in castagno, nella cantina scavata nel tufo, che il casale nasconde nelle sue fondamenta. Un vino riluttante ad essere bevuto nell’immediato, un frutto sincero e schietto, una potenza di struttura longeva, un “vino del contadino”, nato senza particolari accorgimenti enologici, per noi, importante stimolo ad approfondire le possibilità di quel territorio e di quella vigna. Nasce Masseria Felicia, con una naturale inclinazione ad accogliere i ricordi e le meditazioni. Nel 2002, la nostra prima uscita ufficiale, Masseria Felicia, con un Falerno del Massico Rosso Vendemmia 2000, l’Etichetta Bronzo. La soddisfazione non attesa si trasforma in incredula emozione per essere riusciti, con un vino nato dal cuore, a trasferire ad altri le suggestioni di una terra a noi tanto cara. L’azienda continua ad essere gestita totalmente dalla famiglia, l’attuale produzione è di circa 30.000 bottiglie, l’impulso di quella prima vigna infatti ci ha spinto ad impiantare altri 3 ettari, esaminando il terreno e l’esposizione migliore, secondo le indicazioni dei tecnici consulenti che come noi abbracciano questa passione e fidandoci della nostra memoria storica, breve per stima di tempo, ma radicata nel ricordo dei natali contadini. Dal 2006 tre generazioni lavorano alla terra, con la volontà di proseguire un percorso che possa continuare a tramandare l’amore per un’attività antica, attraverso visioni moderne e tecnologicamente avanzate. Speriamo di raggiungere nel nostro operato artigianale l’eccellenza operativa, ma soprattutto di conservare quanto è più a lungo la passione e l’entusiasmo, che si mescola in ogni assaggio, ad ogni vendemmia, attraverso i filari

 

Guarda anche

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Rapine, titolari si oppongono ai malviventi: uno fugge, l’altro arrestato. Ferito un passante

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto SANTA MARIA CAPUA VETERE – Quest’oggi una coppia di malviventi ha cercato di realizzare una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.