Ultim'ora

Piedimonte Matese – Comunali, Palmeri “sposa” il progetto di Zannini e Oliviero

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Piedimonte Matese – La vittoria più soddisfacente per un politico non è rappresentata tanto dalla sconfitta dell’avversario, quanto dalla confluenza dello stesso avversario (sconfitto) sulle proprie posizioni. Potrebbe essere stata grande, quindi, la soddisfazione del super votato consigliere regionale, Giovanni Zannini, nel vedere l’ex assessore regionale Sonia Palmeri, sostenere – attraverso due candidati – la lista guidata da Vittorio Civitillo, un progetto politico voluto e sostenuto dallo stesso Zannini e da Gennaro Oliviero.  Durante la campagna elettorale per le regionali Zannini e Palmeri sono stati acerrimi nemici, indimenticabile la frase del consigliere di Mondragone durante una riunione a Dragoni: “Sono il killer delle donne assessore regionale. Cinque anni fa ho “bruciato” Daniela Nugnes, questa volta toccherà a Sonia Palmeri”. Detto fatto, Palmeri venne “bruciata”.
Prima della “rivale” Zannini aveva accolto, nei mesi scorsi, tanti sostenitori dell’ex assessore regionale Palmeri che, uno per volta, erano caduti fra le braccia del mondragonese. Ieri sera Palmeri in persona è andata a sostenere due candidati della lista di Civitillo.

Leggi anche:

Dragoni / Mondragone – Regionali, Zannini: io il killer delle “assessora”

Guarda anche

DRAGONI / MILANO – 40 ANNI DALLA SCOMPARSA DI CARLO BUONANTUONO, IL COMUNE DI MILANO RICORDA L’AGENTE UCCISO DAI TERRORISTI DEL NAR

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / MILANO – Il comune di Milano, mediante una manifestazione commemorativa, ha ricordato il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.