Ultim'ora

Capriati a Volturno – Comunali al veleno. Prato disturba il comizio, Marcaccio: “cafone, animale, torna nelle fogne” (il video)

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Capriati a Volturno – E’ stato un comizio incandescente quello tenuto ieri sera dal candidato sindaco Rocco Marcaccio, una persona alla quale è davvero difficile far perdere la pazienza. Un esercizio, invece, riuscito benissimo all’ex sindaco Gianni Prato che più volte, da un angolo della piazza, ha disturbato il discorso di Marcaccio. (guarda il video)
Ad un certo punto Marcaccio ha sferrato l’attacco contro Prato: “stai zitto, rispetta i diritti degli altri. Nessuno ieri sera quando tu hai parlato ha disturbato il tuo comizio”. Parole che non hanno indotto il “concorrente” Prato al silenzio, anzi, avrebbe continuato, rincarando la dose. Così Marcaccio, spazientito, ha continuato: “sei un cafone, sei un animale, non hai rispetto per nessuno. Torna nelle fogne, facci respirare aria pulita”. (guarda il video)
Parole che avrebbero fatto perdere il controllo a Gianni Prato che avrebbe tentato di raggiungere il palco dal quale Marcaccio stava parlando. Sarebbero stati alcuni sostenitori dello stesso Prato a trattenerlo. Insomma, l’ex sindaco capriatese si sarebbe esibito in una scena sicuramente poco edificante mentre il resto della piazza lo fischiava. Insomma, altro che “amore a prima vista” fra lui e la piazza. (guarda il video)

Guarda anche

Marcianise / Caserta – Movida violenta, 5 giovani condannati: 6 anni “fuori dai locali”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Marcianise / Caserta – Il Questore della Provincia di Caserta  ha emesso cinque provvedimenti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.