Ultim'ora
foto di repertorio

Santa Maria Capua Vetere – Torturano 41 detenuti, 120 poliziotti verso il processo

Santa Maria Capua Vetere – Oggi, la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha chiuso le indagini sulle torture nel carcere Uccella. Sono 120 – quasi tutti poliziotti della penitenziaria –  le persone finite nell’inchiesta che ha portato alla luce uno scandalo enorme.  Agli indagati sono stati contestati, a seconda delle loro rispettive posizioni e partecipazioni alla rappresaglia in carcere, i delitti di tortura pluriaggravati ai danni di numerosi detenuti, maltrattamenti pluriaggravati, lesioni personali pluriaggravate, abuso di autorità contro detenuti, perquisizioni personali arbitrarie, falso in atto pubblico (anche per induzione) aggravato, calunnia, frode processuale, depistaggio, favoreggiamento personale, rivelazioni indebite di segreti d’ufficio, omessa denuncia e cooperazione nell’omicidio colposo ai danni del detenuto Hakimi Lamine, deceduto in carcere il 4 maggio 2020. “In considerazione dell’elevato numero delle persone offese, che sono 177 – spiega in una nota il capo della Procura Maria Antonietta Troncone – si è disposti di procedere alla notificazione per pubblici annunzi, con conseguente deposito dell’atto nella casa comunale di Santa Maria Capua Vetere, l’inserimento, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale, e la pubblicazione sul sito della Procura della Repubblica sei Santa Maria Capua Vetere.  E’ da sottolineare che le misure cautelari disposte dal gip sono state, per la quasi totalità, confermate dal tribunale per il riesame di Napoli, venendo così validata la sussunzione delle condotte rispetto ai delitti contestati nonché la riferibili soggettiva delle azioni stesse agli indagati, destinata delle misure. Sedici misure cautelare sono state confermate, 6 sono state sostituite in forma gradata, 2 ordinanze sono state annullate per carenza delle esigenze cautelari, e solo una è stata annullata. Gli altri ricorsi sono stati dichiarati inammissibili”.

Le accuse contro gli indagati (87 capi di imputazione)
Nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari sono stati elevati 87 capi di imputazione. Le indagini preliminari avevano portato, il 28 giugno scorso, all’esecuzione di 52 ordinanze applicative di misure cautelari personali a carico di altrettante persone in servizio presso diversi uffici del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria della Campania, principalmente presso la casa circondariale ‘Francesco Uccella’ di Santa Maria Capua Vetere.

Torture su 41 detenuti
Per gli abusi, pestaggi, lesioni, maltrattamenti e comportamenti degradanti ed inumani, attuali nella giornata del 6 aprile 2020 ed anche a seguire, era stata ritenuta la gravità indiziaria per i delitti di concorso in tortura ai danni di 41 detenuti del carcere; inoltre sono stati ritenuti i delitti di maltrattamento aggravato ai danni di 26 detenuti ed analogamente accertati i delitti di concorso in lesioni personali volontarie consumate ai danni di 130 detenuti. Tutti i delitti risultano aggravati dalla minorata difesa, dall’aver agito per motivi abietti o futili, con crudeltà, con abuso dei poteri e violazione dei doveri inerenti la funzione pubblica, con l’uso di arma (i manganelli) e dell’aver concorso nei delitti un numero di pesce di gran lunga superiore alle cinque unità.

Leggi anche:

Santa Maria Capua Vetere – Follia al Carcere di Santa Maria Capua Vetere, il caso finisce in Parlamento. 75 poliziotti sospesi

Santa Maria Capua Vetere – Violenze in carcere, i giudici del Riesame: impianto accusatorio valido

Francolise /Santa Maria Capua Vetere – Detenuti massacrati di botte, coinvolti due agenti di Francolise. Uno già davanti ai giudici del riesame

Riardo / Pietramelara – Torture nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, 117 agenti indagati: anche un pietramelarese

Santa Maria Capua Vetere – Torture ai carcerati: 26 poliziotti arrestati, 3 all’obbligo di dimora, 23 interdetti.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Sparanise – Spaccio di droga, blitz dei carabinieri in paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.