Ultim'ora
Il maresciallo Forziati conduce le indagini sul caso

Teano – Carabinieri, il luogotenente Forziati lascia il comando della stazione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Teano – Dopo dieci anni il luogotenente dei carabinieri, Tommaso Forziati, lascia il comando della stazione teanese. E’ risultato vincitore di un concorso con il quale diventerà ufficiale dell’Arma. Il comando della stazione sarà affidato al suo attuale vice, Pacitti.  In questi anni Forziati ha condotto numerose indagini, fra quelli più importanti l’operazione con cui fu smantellato un gruppo dedito ai furti e al riciclaggio di reperti archeologici, 7 le persone coinvolte nell’indagine. Rumorosissima l’inchiesta sui medici e infermieri assenteisti all’ospedale San Rocco di Sessa Aurunca con 25 professionisti colpiti da misure restrittive e attualmente sotto processo. Importante e notevole il lavoro svolto da Forziati anche contro il fenomeno dello spaccio e il consumo di droghe. Nel 2018 individuò un’azienda nella quale veniva coltivata marijuana; tre persone vennero arrestate in flagranza di reato e la sostanza stupefacente fu posta sotto sequestro.
Arruolato nell’Arma dei Carabinieri nel settembre 1993 e dopo aver frequentato il centesimo Corso Carabinieri Effettivi presso la Scuola di Campobasso, viene destinato presso la Stazione Carabinieri di Roma – Porta Cavaleggeri.  Nel 1995/97 frequenta il 48° corso Sottufficiale dei Carabinieri presso le scuole di Velletri e Firenze.  Dal 1997 fino al 2002 viene destinato alla Stazione Carabinieri di Porto Empedocle (AG), Comandando anche la Stazione Carabinieri di Lampedusa. Si distingue in operazioni antidroga e per la lotta ai clan mafiosi locali, con importanti arresti. Dal 2002 al 2007 Vice Comandante della Stazione Carabinieri di Villa Literno dove compie vari attestati di merito per il contrasto allo spaccio di stupefacenti e la lotta alla criminalità organizzata.  Dal 2007 al 2011 Comandante della Stazione Carabinieri di San Cipriano d’Aversa dove si distingue per la lotta al Clan dei Casalesi e la cattura di latitanti in collaborazione con la Direzione Distrettuale Antimafia. Dal 2011 al 2021 Comandante della Stazione Carabinieri di Teano dove si distingue per diverse operazioni di servizio per la lotta allo spaccio di stupefacenti e della criminalità, vano ricordati i sequestri di piantagioni di marijuana; L’operazione “Vaso di Pandora” contro il traffico di oggetti antichi e l’operazione “Area51” sull’assenteismo del personale ospedaliero del nosocomio di Sessa Aurunca.  Vincitore di concorso quale Ufficiale dei Carabinieri del Ruolo Normale (solo 12 in tutt’Italia) con il transito al grado di Sottotenente, frequenterà un corso di sei mesi presso la Scuola Ufficiali dei Carabinieri di Roma. Insignito di vari attestati di benemerenza rilasciati da parte della scala gerarchica, dal Ministero della Difesa e dal Dipartimento della Protezione civile.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina – Comune, progetto mai realizzato: tecnici vogliono oltre un milione di euro. La sentenza del giudice

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Roccamonfina – Una importante società di progettazione ha trascinato il municipio di Roccamonfina davanti al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.