Ultim'ora

Riardo – Ferrarelle e il ciclo dell’acqua al Padiglione Italia Expo Dubai: c’è Roccamonfina e Presenzano. Riardo dimenticato

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Riardo – La società Ferrarelle è presente al Padiglione Italia di Expo Dubai per mostrare il ciclo dell’acqua e il “ciclo” della plastica. Sul sito ufficiale www.italyexpo2020.it c’è un articolo che presenta Ferrarelle e il ciclo dell’acqua, unito a quello della plastica. “Una goccia di pioggia che cade dal cielo impiega circa trent’anni prima di finire nelle bottiglie da cui beviamo: viene raccolta dal vulcano estinto di Roccamonfina, nel Parco delle Sorgenti in provincia di Caserta, e arriva nel sottosuolo a 40 metri di profondità, filtrata da stratificazioni rocciose millenarie. Il ciclo dell’acqua è uno straordinario esempio di circolarità, che Ferrarelle porta al Padiglione Italia di Expo Dubai…… il PET riciclato dall’azienda nello stabilimento di Presenzano (CE) e ricavato dalle bottiglie provenienti dalla raccolta differenziata è infatti tra i materiali utilizzati per la realizzazione dell’iconica copia presente nel Teatro della Memoria, fulcro del percorso espositivo…”. Insomma, per Ferrarelle Riardo  e per italyexpo2020.it  il parco sorgenti di Riardo “scompare”.  Eppure è proprio lì che la società estrae l’acqua che imbottiglia. Probabilmente “esigenze” pubblicitarie sono più importanti.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

SFIDA PER LE COMUNALI – Sessa Aurunca: intervista ad Antonio Fusco (la diretta alle ore 16:00)

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Sessa Aurunca – Intervista al candidato sindaco Antonio Fusco. Questo pomeriggio – 17 settembre 2021 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.