Ultim'ora
foto di repertorio

Marcianise / Campobasso –  Tentato omicidio ed estorsione, si costituisce ricercato

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Marcianise / Campobasso – ll 20 agosto 2021, presso la casa circondariale di Larino (CB), si è costituito Vincenzo Bronzino, classe 1988, destinatario di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (CE), su richiesta di questa Procura della Repubbica, poiché ritenuto responsabile dei reati di “tentato omicidio in concorso, ex artt. 110, 56 e 575 c.p. “, nonché di “tentata estorsione aggravata dall ‘uso di arma bianca e dal numero di persone, ex artt. 56 e 629 co. 2 in relazione all’art. 628 co.3 n. l”.  Il provvedimento è scaturito da un’attività d’indagine investigativa diretta della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, svolta, a partire dal 19 luglio, dai Carabinieri. del Nucleo Operativo e Radiomobile – Sezione Operativa della Compagnia di Marcianise (CE), investigazioni che hanno permesso di individuare e documentare le condotte di 4 persone, ritenuti responsabili in concorso dei reati sopra citati. Le indagini erano originate dal tentato omicidio ai danni di Vincenzo Bronzino, classe 1978, evento consumato il 19 luglio 2021, in Marcianise (CE), presso un capannone di un’azienda ubicato nella zona ASI. All’esito del grave episodio, emerso dalla segnalazione del pronto soccorso dall’ospedale di Marcianise dove la vittima giungeva in gravissime condizioni per le ferite di arnia da taglio subite, venivano attivate tempestive indagini. Le attività d’indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Marcianise consentivano di acquisire gravi indizi di reità nei confronti dei presunti autori, persone sottoposte a fermo di polizia giudiziaria del 20 luglio 2021; in particolare veniva fermati Bronzino Antonio, nato a Ercolano (NA), classe 1952, La Monica Mario, nato a Cercola (NA), classe 1978 ed Esposito Giuseppe, nato a Pompei (NA), classe 1987. Il quarto indagato,   Bronzino   Vincenzo,   nato   a  Napoli,   classe   1988,  si  rendeva   invece immediatamente irreperibile, costituendosi solo in data 20 agosto 2021. A seguito dell’udienza di convalida, il gip disponeva la misura cautelare in carcere nei confronti degli indagati, sottoposti a femo, misura confermata dal Tribunale per il riesame. Gli indagati, fermo restando la presunzione di innocenza fino a sentenza passata in giudicato, sono tutti attualmente detenuti.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina – Comune, progetto mai realizzato: tecnici vogliono oltre un milione di euro. La sentenza del giudice

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Roccamonfina – Una importante società di progettazione ha trascinato il municipio di Roccamonfina davanti al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.