Ultim'ora
foto di repertorio

SESSA AURUNCA – Autovelox sull’Appia: ritorna “raddoppiato”. Automobilisti tartassati

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

SESSA AURUNCA di (Carmine Di Resta) –  Doppio SOS per gli automobilisti che percorrono la SS Appia al Km 159,500 nel doppio senso di circolazione. L’autovelox installato non scatterà foto solo in direzione sud (verso Sessa Aurunca) ora l’automobilista verrà immortalato anche nel senso opposto, in direzione Scauri. Con tutti gli accorgimenti volti al rispetto della privacy, la faccia del conducente non verrà fotografata, apparirà solo una macchia nera, mentre sarà visibile la targa del veicolo.  Una installazione secondo un principio di prevenzione e sensibilizzazione volta a garantire la sicurezza dei conducenti, non solo ma anche per rimpinguare le casse comunali visto che ora verrà effettuata la doppia foto per chi supererà il limite fissato degli 80 Km orari. Il misuratore è stato oggetto di un mistero, difatti per qualche settimana era “sparito” per effettuare le operazioni di messa a punto e caratura. Infatti la Corte di Cassazione, con l’ordinanza del 24 maggio 2021 n. 14109, ribadisce il consolidato orientamento per cui l’assenza della taratura dello strumento cagiona l’illegittimità del verbale di accertamento dell’infrazione di eccesso di velocità. Il Codice della Strada prevede sanzioni salate per il superamento dei limiti di velocità il cui importo cresce in proporzione alla gravità della violazione. Se si superano i limiti massimi di velocità di non oltre 10 km/h la multa avrà un importo da 42 a 173 euro, mentre se si superano i limiti di velocità oltre 10 km/h e non oltre 40 km/h, la multa varierà da 173 a 695 euro oltre alla decurtazione di 3 punti dalla patente. Se si superano i limiti di oltre 40 km/h e non oltre 60 km/h, la multa sarà compresa tra 544 e 2.174 euro, oltre alla detrazione di 6 punti dalla patente e la  sospensione della patente da uno a tre mesi ecc ecc.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Teano – Consiglio comunale, chi salverà D’Andrea? Nessuno. Oppure Lina De Fusco (cioè Schiavone)

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Teano – Chi salverà, domani, il sindaco Dino D’Andrea? Probabilmente nessuno. Perché almeno due consiglieri …

3 commenti

  1. Ma perché parlare di tartassamenti e mai di sicurezza ? Ma ci siete mai passati in quel punto per vedere soprattutto le moto a che velocità sfrecciano? Si deve pur trovare un modo per far rallentare questi fenomeni della domenica che dietro un volante si credono tutti piloti.

  2. marcello piertro

    infatti servono soldi al comune di sessa, questo è un modo di estorsione tra gli altri

  3. Senza contare che l’impianto è ben visibile E non “nascosto” , quindi assolve bene al suo scopo di far rallentare i vari corridori da spiaggia… che corrono in quella zona. C’e ne vorrebbero altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.