Ultim'ora
foto di repertorio

Sessa Aurunca – Comunali, un esercito di aspiranti consiglieri pronto ad “invadere” la città

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

SESSA AURUNCA (di CARMINE DI RESTA) –  Si preannuncia un esercito di candidati aspiranti consiglieri comunali alle prossime elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre.  Incerto il numero dei candidati a sindaci tre o quattro?  I candidati a consigliere si stima dovrebbero superare i 350, le liste sono in fase di completamento. Ora i candidati stanno preparando foto con il vestito e cravatta della festa, manifesti d’ogni grandezza, lettere, bigliettini, depliant; le bandiere invece sventoleranno dalle sezioni dei partiti. Tutto appare come un antipasto di quello che sarà servito al popolo aurunco nelle prossime settimane.   Le “truppe politiche” entreranno in ogni casa mettendo in seria difficoltà l’elettore il quale – accerchiato da amici, parenti ed affini – non saprà dove sbattere la testa. “Divideremo i voti” – si sente dire. Si preannuncia una sequenza impressionante, rassomigliante alle scatole cinesi, in cui già sono iniziate le lotte fratricide. Come al solito, verrà premiato il più forte o quello che ha più Santi in Paradiso?
Si dovrebbe riscoprire la politica come fatto culturale, esercizio difficile da mettere in pratica. Negli anni passati è venuto a galla che i processi di aggregazione sono stati a volte forzati, imposti dal nuovo meccanismo elettorale e si sono dimostrati assiemaggi all’interno dei quali sono state privilegiate alleanze fondate sulla pratica della lottizzazione e del potere, rispetto ai contenuti dei programmi.  A questo punto, la dispersione di voti sembra inevitabile: a chi dei candidati a sindaco gioverà? C’è convinzione unanime che la politica in generale ne soffrirà, infatti i cittadini si aspettano meno candidati e meno confusione per poter scegliere meglio ed in serenità   e non per spaccare intere famiglie alla conquista del fatidico voto.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – “Progetto Sportivo Matese”, Rega e Civitillo vogliono diventare più grandi di Roma e Napoli. Intanto “rubano” i video a Bucci

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Piedimonte Matese – Il rispetto delle professionalità e delle competenze altrui appaiono una cosa di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.