Ultim'ora

Vairano Patenora – Due notti sul borgo antico di Marzanello, fra cultura ed enogastronomia

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Vairano Patenora – “E quindi uscimmo a riveder le stelle” è l’ultimo verso del XXXIV canto dell’Inferno in cui si annuncia al lettore il passaggio del sommo Poeta nel Purgatorio.  Un verso intriso di significato che ha indotto l’Assessore alla Pubblica Istruzione e Cultura, prof.ssa Enza Valentina Bianco, a preferirlo come titolo per la serie di manifestazioni culturali promosse per le sere del 9 e 10 agosto 2021, a partire dalle ore 19,00 e fino alle ore 24,00 nella splendida cornice dell’antico Borgo di Marzanello Vecchio. Un progetto arduo e tante volte rimandato, ma che ha trovato approvazione nella giunta comunale guidata dal sindaco Bartolomeo Cantelmo. Si tratta di una manifestazione culturale ed enogastronomica che ha trovato la collaborazione di diversi imprenditori del settore enogastronomico e di professionisti per l’aspetto culturale (arte e fotografia). Tanti i professionisti, le associazioni del territorio comunale, gli esercenti di altro settore che hanno mostrato interesse e dimostrato di voler contribuire alla buona riuscita dell’evento.  L’associazione M.T.B. TREKKING VOLTURNO curerà l’escursione in notturna su Monte Caievola programmato per il giorno 9 agosto. Hanno dato il loro contributo le associazioni Lupi del Vairo e Protezione Civile comunale. Ci sono poi tanti giovani e meno giovani di Marzanello e Vairano Scalo che hanno chiesto di poter contribuire alla buona riuscita dell’evento impegnandosi fattivamente a far risplendere l’antico borgo. L’evento inoltre ha voluto, in sinergia con la Confraternita del Santissimo Corpo di Cristo di Marzanello, rendere memoria al compianto Priore ed ex assessore Ing. Michele Di Benedetto per il contributo dato sia alla comunità marzanellese sia al recupero dell’antico borgo di Marzanello Vecchio. La sera del 9 agosto alle ore 20,00, sarà apposta una “Targa ricordo”, in memoria di Di Benedetto, simbolo di riconoscenza per il suo operato. “Nel titolo è insita una speranza, quella di poter distinguere nel buio una piccola luce, una luce di fiducia rispetto alla situazione pandemica che da oltre un anno angoscia il nostro Bel Paese.  La manifestazione, spiega l’assessore Enza Bianco, rappresenta sì un metaforico “ritorno alla normalità”, ma allo stesso tempo le persone che intendono partecipare non dovranno venir meno ai loro obblighi e doveri, ovvero esibire il green pass, indossare la mascherina e rispettare tutte le disposizioni di sicurezza stabilite nelle ordinanze regionali in vigore”, conclude Bianco.

 

 

 

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina – Comune, progetto mai realizzato: tecnici vogliono oltre un milione di euro. La sentenza del giudice

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Roccamonfina – Una importante società di progettazione ha trascinato il municipio di Roccamonfina davanti al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.