Ultim'ora

Alife –  Spaccio di droga, le difese puntano tutto sul riesame

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Alife – Si sono svolti, nei giorni scorsi, gli interrogatori di garanzia in favore delle nove persone coinvolti nell’inchiesta condotta dai carabinieri della stazione di Vairano Scalo e orientata alla repressione dello spaccio e consumo di droga. Le misure cautelari, al momento, non sono cambiate. Così i difensori degli indagati hanno già prodotto ricorso al tribunale del riesame di Napoli per tentare di ottenere un alleggerimento delle misure cautelari.
Sono nove le persone coinvolte nell’operazione contro il fenomeno dello spaccio e consumo di droga. L’ordinanza emessa da giudice per le indagini preliminari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere colpisce Robert Fargnoli junior, 33 anni di Alife; Filomena Marcello, 22 anni di Alife; Fargnoli Alessandro Romeo, 21 anni di Alife; Nicola Vetere, 26 anni di Alife; Enrico De Silvio, 34 anni di Alife; Ciarella Filomena detta Verona, 26 anni di Alife; Francesco Capassso, 28 anni di Caiavano; Francesca Cipolletti, 43 anni di Crispano; Consiglia Facciuta, di 25 anni di Crispano.
Il provvedimento restrittivo – eseguito in mattinata ad Alife e Crispano, nonché presso le case circondariali di Frosinone e Ariano Irpino – costituisce l’epilogo di una complessa indagine condotta dai carabinieri di Vairano Scalo, avente ad oggetto la vendita al dettaglio di droghe pesanti e leggere. Le investigazioni, iniziate nel febbraio 2018 e concluse nel mese di aprile 2020, sono state esperite mediante servizi di osservazione, controllo, pedinamento e da una costante attività d’intercettazioni telefoniche delle utenze in uso ai soggetti indagati. La presente indagine costituisce la prosecuzione di un’altra attività d’indagine, riguardante i membri della famiglia Fargnoli e che aveva portato all’adozione di misure cautelari custodiali in carcere.
A seguito dell’arresto del padre, Robert Fargnoli Jr., assumeva il controllo dell’attività di spaccio in zona, come emerso da fonti dichiarative. Quest’ultimo era riuscito a ricucire i contatti con alcuni noti tossicodipendenti locali ed avviato una nuova attività di spaccio, per poi espandere la cerchia di clienti con nuovi giovanissimi acquirenti. Presso la sua abitazione era sempre garantita la presenza di uno degli indagati che poteva soddisfare le richieste di stupefacenti avanzate dagli acquirenti, anche se l’opzione principale era quella di attuare lo spaccio, al dettaglio, nelle pubbliche vie o piazze di Alife. Robert Fargnoli Jr. con l’aiuto della moglie Filomena Marcello, del fratello Alessandro Romeo Fargnoli e di un minore (14enne), aveva cosi rapidamente ricostituito una florida piazza di spaccio, avente luogo presso la palazzina delle case popolari occupata dal nucleo familiare dei Fargnoli.
La dinamica criminale era attuata in maniera ininterrotta, sia in orario diurno che notturno, essendo i trafficanti disponibili a cedere ogni tipo di sostanza. Dopo l’arresto del fratello Robert Fargnoli Jr., avvenuto nel luglio 2018 e la sua traduzione in carcere, nel mese di ottobre 2018, Alessandro Romeo Fargnoli aveva costituito una indipendente piazza di spaccio di hashish, sempre ad Alife, avvalendosi della collaborazione di Nicola Vetere detto U’ Piccion. Entrambi, indistintamente, ricevevano le richieste telefoniche della sostanza stupefacente dai diversi acquirenti e procedevano successivamente anche alle cessioni al dettaglio. Tale piazza di spaccio, dai riscontri acquisiti, risulta essere stata operante almeno fino al gennaio 2019.
Seguendo la provenienza degli approvvigionamenti della sostanza stupefacente spacciata da Alessandro Romeo Fargnoli e gli acquisti effettuati dal predetto, in qualità anche di assuntore della stessa, si aveva contezza dell’esistenza di un’altra piazza di spaccio di sostanze stupefacenti, quindi la terza piazza di spaccio, radicata sempre nel comune di Alife, gestita da Errico Di Silvio e dalla compagna Filomena Ciarella detta Veronica. Dagli approfondimenti investigativi si aveva conferma che numerosi assuntori di cocaina e crack, provenienti dai comuni di Alife, Piedimonte Matese, Vairano Patenora, Alvignano e Castello del Matese si rivolgevano a costoro per l’acquisto della sostanza. Tale piazza di spaccio era operativa sicuramente a partire dal mese di novembre 2018 e dalle dichiarazioni testimoniali rese da alcuni acquirenti risulterebbe in essere almeno fino al mese di gennaio 2020. Dal monitoraggio delle utenze in uso a Errico Di Silvio e Filomena Ciarella detta Veronica, si riusciva ad individuare in Francesco Capasso la fonte di approvvigionamento di cocaina immessa nel mercato nella zona alifana dai predetti. Capasso, a sua volta oggetto di monitoraggio telefonico, è risultato essere il reggente di una quarta piazza di spaccio, costituita principalmente in via Fausto Coppi parco Karol del comune di Orta di Atella, presso la sua abitazione ma anche nella zona del Parco Verde di Caivano. Nonostante il suo arresto, avvenuto nel mese di maggio 2019, l’attività di spaccio veniva proseguita dalla compagna Consiglia Facciuto e dalla madre di costei Francesca Cipolletti, le quali si “trasferivano” nel comune di Crispano, continuando nell’attività illecita.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Palazzo Ducale, la provincia vuole vendere: cercasi studentessa 25enne con 620mila euro

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – L’ente Provincia di Caserta vuole vendere la sua parte di Palazzo Ducale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.