Ultim'ora
Vincenzo De Luca , presidente regione partecipa ad un convegno di Confindustria a Napoli

EMERGENZA CORONAVIRUS – De Luca preoccupato dall’aumento dei contagi. Duro attacco al Ministero della Salute: genera solo confusione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Napoli / Caserta – Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, è preoccupato per l’aumento dei contagi nell’intera regione e per la confusione che il Ministero della Salute sta generando, negli ultimi tempi.
“Oggi su 7600 tamponi abbiamo 226 positivi: è un dato preoccupante”. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto punto che fa settimanalmente sui social. Per De Luca rapportando la popolazione campana a quella complessiva dell’Italia nella regione “ci dovrebbero essere 140 positivi, ne abbiamo 226. Di questi ci sono 26 sintomatici”. Ma quello che sembra preoccupare maggiormente il governatore è il gran numero degli asintomatici “che contagiano. Ed averli individuati è frutto di un lavoro attento”.
Per de Luca “ci sono migliaia di concittadini che non hanno sintomi ma che contagiano”. A luglio dello scorso anno, ha evidenziato ancora De Luca, “non avevamo alcun positivo e vi rendete conto del pericolo che stiamo correndo. E’ vero che abbiamo un numero elevato di persone vaccinate ma abbiamo anche un 15 per cento di persone sopra i 60 anni che non ha voluto vaccinarsi ed abbiamo le varianti” tra cui quella “delta che hanno aggressività e capacità di contagio davvero grandissima”.
“Rivolgo un appello al ministero della Salute, al Governo, al commissario al Covid perché parlino quanto meno è possibile perché il livello di confusione che hanno prodotto in queste settimane è sconcertante”. Il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, sul tema delle vaccinazioni torna ad attaccare l’esecutivo nazionale. Anche questa volta lo ha fatto nel corso del consueto appuntamento settimanale sui social.  “Credo che se fanno silenzio – ha aggiunto – ci danno una grande mano a fare andare avanti la campagna di vaccinazione. Ogni 48 ore cambiano le valutazione che fanno sui vaccini ed è sconcertante”. De Luca ha poi detto che “ministero e commissario avrebbero dovuto preoccuparsi di fare loro, già da due mesi, più vaccini nella regione più giovane di Italia: cosa che non hanno fatto”.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Aversa / Caserta – Biologhe licenziate in anticipo, Asl rischia maxi risarcimento

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Aversa / Caserta – Undici biologhe licenziate dall’Asl di Caserta 4 mesi prima della naturale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.