Ultim'ora
FOTO DI REPERTORIO

Cellole – Aggredito per un’imprecazione, 11enne finisce in ospedale

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Cellole – Qualche giorno fa, in pizza Raffaello si è verificato un violento atto di bullismo che ha costretto un ragazzino 11enne a recarsi in ospedale. L’11enne stava giocando tranquillamente con un suo amico nella piazzetta allestita da qualche settimana a parco giochi di fronte al Comune, quando gli cade il cellulare e pronuncia un’imprecazione, quella “brutta parola”, legittima alla sua età, è stata forse formulata nel posto sbagliato al momento sbagliato: un altro ragazzino non ha perso tempo nel trovare il pretesto per aggredirlo: “Che? Dici a me?” questa la domanda retorica, non è bastato negare: in men che non si dica gli si è avventato addosso ed ha iniziato a colpirlo con calci a pugni. Poi è intervenuto anche un altro. Il ragazzino è stato spinto con forza contro la panchina in cemento presente nella piazzetta. L’urto gli ha causato lesioni e postumi di contusione a tre costole. Il suo amichetto, animato di coraggio, è intervenuto cercando di liberare il suo compagno dalla collisione, e proprio grazie a lui l’11enne è riuscito a divincolarsi, correndo poi verso casa con il suo amico. Il ragazzino ferito è stato trasportato in ospedale dalla madre che ha sporto denuncia presso la locale caserma dei carabinieri.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Caserta – Messa in sicurezza dei Boschi 1° Stralcio, approvato il nuovo progetto esecutivo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Caserta – Con decreto monocratico n. 156, nell’ambito del Piano forestale 2021, la Provincia di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.