Ultim'ora
foto di repertorio

Antifurti per casa, quali tipologie esistono

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Classici o moderni, di ultima generazione ed in grado perfino di strizzare un occhio al design. Il mondo degli antifurti è, oggi, un macrocosmo all’interno del quale è possibile trovare prodotti adatti a tutte le esigenze. Si parla ovviamente di allarmi per abitazioni o comunque per edifici privati, come nel caso di uffici e negozi.
Prodotti ormai molto richiesti e che godono oggi di benefici fiscali per incentivarne la vendita, a partire dalle detrazioni fino ai vari bonus. Tutti questi strumenti rientrano nella definizione di protezione attiva della casa, ovvero da usare in concomitanza con deterrenti il cui obiettivo di rallentare l’ingresso da parte di malintenzionati rallentandone le operazioni (l’esempio tradizionale è dato dalle inferriate).

Principali tipologie di allarme per casa

Tutto quello che rientra nella categoria di allarme antifurti trova oggi concreta applicazione in una serie di strumenti per tutte le esigenze. Vediamo brevemente quali sono le principali tipologie di allarmi per casa e abitazioni private.

  1. Allarme con fili: il sistema più tradizionale, quello maggiormente datato. Antifurto cablato, anche così si chiama questa tipologia che prevede installazione di cavi all’interno dei muri e che per questo richiede opere ed interventi maggiori.
  2. Allarme senza fili: gli antifurti wireless, in perfetta armonia con quanto oggi avviene a livello di tecnologia. In questo caso non si rendono necessarie opere murarie di alcune genere né interventi invasivi, gli antifurti wireless sono di facile installazione.
  3. Impianti misti: sistemi di allarme per chi ha la necessità o il desiderio di ricorrere a sistemi misti, quindi in parte cablati (con cavo) ed in parte wireless, senza fili.
  4. Allarmi perimetrali: in questo caso il sistema di allarme è posto lungo tutto il perimetro della abitazione o comunque dell’edificio, nonché su tutte le zone esterne.
  5. Antifurti volumetrici: questo genere di antifurto viene installato all’interno degli edifici, a differenza con gli allarmi perimetrali, e funziona andando a captare tramite sensori tarati a dovere qualsiasi spostamento di aria avvenga all’interno di un dato spazio.

Da ricordare poi che oggi è possibile godere di detrazioni fiscali di un certo rilievo andando a ricevere un bonus del 50% della cifra spesa per acquisto ed installazione del sistema di antifurto.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

3.508.019 domini registrati in Italia, il .it al 1° posto: storia e curiosità sui nomi di dominio

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Solo in Italia si contano oltre 3 milioni e mezzo di nomi di dominio e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.