Ultim'ora
foto di repertorio

Anpvu per aiutare i fumatori a smettere con la sigaretta elettronica

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

L’Associazione Nazionale Per i Vapers Uniti (Anpvu) ha lanciato una campagna per aiutare i fumatori incalliti a smettere questa abitudine grazie ad una partnership d’eccezione. È il caso dell’azienda di hardware Justfog, la quale ha messo a disposizione dell’associazione numerosi kit per il vaping entry level, per iniziare i consumatori di sigarette tradizionali all’uso delle sigarette elettroniche Justfog per diminuire il proprio livello di nicotina giornaliera e avvicinarsi alla fine del percorso di assuefazione.

 

Per partecipare a tale iniziativa basterà inviare una mail all’indirizzo smettodifumare@anpvu.it inserendo i dati anagrafici e l’indirizzo di posta elettronica del fumatore, in modo da essere poi contattato dall’associazione per essere supportato nel percorso di iniziazione e per l’invio del kit iniziale. 

 

Cessare di essere un fumatore si può: ecco come

 

Secondo i dati di Tabac Info Services, il 58% dei fumatori regolari afferma di voler smettere. Negli ultimi anni in Italia si è diffuso l’uso delle sigarette elettroniche. L’immagine di questo tipo di prodotto è anche molto spesso associata alla cessazione del fumo, ma possiamo davvero smettere di fumare grazie alle sigarette elettroniche?

 

La sigaretta elettronica, chiamata anche e-cig, è arrivata nel nostro paese quando è stato inasprito il divieto di fumare nei luoghi pubblici, tra il 2007 e il 2008. Si tratta di un prodotto alimentato da elettricità che riproduce artificialmente il fumo emesso quando una sigaretta viene bruciata. Sviluppata da un farmacista cinese negli anni 2000, la sigaretta elettronica sembra una sigaretta tradizionale.

 

È l’ispirazione dell’utente che innesca il processo delle sigarette elettroniche. Una nebbia composta da particelle fini, chiamata “aerosol” o più comunemente “vapore”, viene quindi rilasciata per essere infine inalata dal consumatore. Normalmente, l’aerosol non contiene monossido di carbonio, una molecola responsabile di malattie cardiovascolari o agenti cancerogeni, a differenza delle sigarette tradizionali e dei loro addensanti.

 

Fin dal suo arrivo, la sigaretta elettronica è stata percepita come un mezzo efficace per aiutare a smettere di fumare: secondo un sondaggio condotto nel novembre 2013 da uno dei leader del mercato delle sigarette elettroniche, poco più del 43% degli intervistati sono convinti che le sigarette elettroniche siano un modo efficace per smettere di fumare o ridurre il consumo di tabacco. La maggior parte degli utenti di sigarette elettroniche sono ex fumatori (1/3) o fumatori attuali (2/3). Inoltre, molti affermano di utilizzare sigarette elettroniche per smettere definitivamente di fumare (51%) o per ridurne il consumo (30%). 

 

La sigaretta elettronica è spesso vista come un’alternativa e/o un supplemento alla terapia sostitutiva della nicotina (gomme da masticare, pastiglie da succhiare, inalatori, cerotti, ecc.) e ad altri medicinali che mirano ad eliminare lentamente e gradualmente la dipendenza fisica dalla nicotina. Tra la percentuale di intervistati ex fumatori ma che usano ancora sigarette elettroniche, l’84% dichiara di aver smesso completamente di fumare grazie a quest’ultima

 

Da associare ai cerotti alla nicotina per forti fumatori

 

La sigaretta elettronica è considerata un aiuto per smettere di fumare dall’Alto Commissariato per l’Igiene e la Sanità pubblica, ma non è considerato un sostituto della nicotina come cerotti, gomme o compresse e non è supportato. Tuttavia, può sostituire o integrare questi presidi, quando sono percepiti come troppo passivi. I forti fumatori, in particolare, possono combinarlo con i cerotti.

 

Non abbinare sigarette elettroniche e sigarette tradizionali

 

La condizione principale per smettere di fumare è – logicamente – essere uno svapatore esclusivo, quindi non combinare vaporizzatore e sigaretta. È molto raro che chi svapi torni esclusivamente al tabacco. D’altra parte, per coloro che svapano e continuano a fumare, la dipendenza rimane molto alta e i rischi associati all’inalazione di composti cancerogeni dalle sigarette persistono.

 

Conosci i tuoi bisogni di nicotina

 

Il liquido vaporizzato contiene generalmente nicotina, importante per chi desidera sostituire la sigaretta elettronica con la sigaretta classica. Meglio conoscere le proprie esigenze e non sottodosarlo rispetto alla quantità a cui il corpo è abituato. In Europa, la concentrazione massima consentita di nicotina nei liquidi è di 20 mg / ml. Gli specialisti del tabacco consigliano di iniziare al massimo e poi abbassare gradualmente la dose, al proprio ritmo.

 

Alla ricerca di una soddisfazione ottimale

 

I gesti associati al vapore in gola danno una sensazione positiva. Questo è il massimo che le sigarette elettroniche portano e dovrebbe essere cercato in ogni dispositivo. Dopo un’emozione, un pasto, la sera, è questa soddisfazione che aiuterebbe l’astinenza delle persone dipendenti dal tabacco. Il piacere di questa boccata è un imperativo perché la terapia di alleggerimento della dipendenza funzioni.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Investimenti sicuri: oggi è possibile investire senza rischi?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti Nelle ultime settimane i rendimenti dei Btp a 10 anni sono tornati a crescere, facendo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.