Ultim'ora

Emergenza Coronavirus – La Campania è zona gialla. Cosa cambia da lunedì

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

La regione Campania dal prossimo lunedì 26 aprile torna in zona gialla. Lo prevede la nuova ordinanza che il Ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia. Per quanto riguarda il resto dell’Italia solo 5 Regioni sono in zona arancione: Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta (la Sardegna unica regione rossa).

La Scuola:
Torna in presenza anche l’istruzione. Dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori. La presenza è garantita in zona rossa dal 50 al 75% e in zona gialla e arancione dal 70 al 100%. Nelle zone gialle e arancioni dal 26 aprile al 31 luglio le lezioni delle università si svolgono “prioritariamente in presenza”.

Riaprono teatri e cinema:
In zona gialla, da lunedì 26 aprile riaprono cinema, teatri, sale concerti al chiuso o all’aperto con una capienza massima al 50%, distanza di un metro e prenotazione obbligatoria. Dal 26 aprile, in zona gialla saranno aperti musei e altri luoghi della cultura con modalità di fruizione che possano consentire il rispetto della distanza di almeno un metro tra i visitatori. Il sabato e nei giorni festivi l’ingresso deve essere prenotato online o al telefono con almeno un giorno di anticipo.

Le aperture dei ristornati anche a cena:
Nelle regioni in zona gialla si potrà tornare al ristorante già da lunedì 26 aprile a pranzo e a cena, purché all’aperto, ricordando però che vige il divieto di uscita notturna dalle 22. Nelle regioni in zona arancione e rossa saranno in vigore le stesse regole di sempre: è vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze. Dalle 5 alle 22 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue: dalle 5 alle 18 senza restrizioni; dalle 18 alle 22 è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3). La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti. È consentita, senza limiti di orario, anche la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti ivi alloggiati. Dal primo giugno, sempre in zona gialla, i ristoranti potranno aprire anche al chiuso ma solo fino alle 18.

Negozi:
Nelle regioni in zona gialla e arancione tutte le attività commerciali potranno aprire. In zona rossa invece è consentita l’apertura solo alle attività ritenute necessarie come alimentari, edicole, tabaccai. Sempre in zona rossa rimangono chiusi parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Visite a parenti e amici:
Dal 26 aprile al 15 giugno 2021, nelle regioni in zona gialla, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata una volta al giorno, dalle 5 alle 22, a quattro persone oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. Le persone che si spostano potranno portare con sé i minorenni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi. Lo stesso spostamento, con uguali limiti orari e nel numero di persone, è consentito in zona arancione all’interno dello stesso comune, mentre non sono consentiti spostamenti verso altre abitazioni private abitate nella zona rossa.

Spostamenti tra regioni gialle:
Da lunedì 26 aprile tornano le zone gialle nel sistema dei colori basato sulle fasce di rischio covid. E tra le regioni gialle ci si potrà muovere liberamente. Sempre in zona gialla, c’è il via libera anche agli spostamenti all’interno della regione.

Spostamenti nelle regioni arancione:
In questo caso ci si potrà spostare solo per motivi di lavoro, salute e necessità attraverso un’autocertificazione, oppure se non si rientra nei precedenti motivi attraverso l’utilizzo della certificazione verde, ribattezzato anche “green pass”.

Nelle seconde case con amici e parenti:
Da lunedì 26 aprile nelle seconde case che si trovano in zona gialla o arancione si potrà andare anche con parenti e amici, ma al massimo in quattro persone. In zona rossa può andare soltanto il nucleo familiare (e la casa deve essere disabitata), a meno che non vi siano ordinanze regionali che lo vietano.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Caserta / Perugia – Frontale tra due auto: muore bambina di 5 anni, due feriti

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Caserta / Perugia – E’ un filo di dolore a legare la provincia di Perugia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.