Ultim'ora

Piedimonte Matese – Stadio Ferrante: alcuni si divertono, le spese pagate dalla comunità

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Piedimonte Matese – Chi paga il divertimento di pochi? Probabilmente l’intera collettività. Da circa due anni, infatti, nessuno pagherebbe le spese per il gas, l’elettricità e l’acqua dello stadio Ferrante. Spese che, inevitabilmente starebbe pagando il municipio, quindi la comunità del capoluogo matesino. E si tratterebbe di cifre importanti. Miglia di euro ogni anno.
Sulla vicenda intende fare chiarezza il commissario Prefettizio che da circa un anno governa la cosa pubblica di Piedimonte Matese. L’indagine è già scattata attraverso gli uomini della Polizia Municipale, guidata dal comandante Labriola, che stanno acquisendo la documentazione a chi attualmente occupa la struttura sportiva.
Chi gestisce, realmente, lo stadio comunale Ferrante del capoluogo matesino?
Sono state rispettate tutte le procedure previste dal regolamento municipale?
Viene garantito a tutti l’accesso e quindi l’utilizzo degli impianti sportivi?
Chi attualmente utilizza l’impianto paga le quote previste?

Paga i consumi di energia (gas, acqua, corrente elettrica)?
Queste sono i dubbi a cui l’indagine avviata dal Commissario Prefettizio dovrà dare risposte.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Maddaloni – Scende dall’auto e aggredisce un ciclista, noto commerciante finisce in ospedale

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Maddaloni – Ieri pomeriggio in Maddaloni, precisamente in via Napoli, è avvenuta un’aggressione ai danni …

4 commenti

  1. La commissaria deve avviare anche le procedure per cacciare dalla casa comunale la società che gestisce le entrate tributarie atteso che da17 mesi occupa senza titolo una stanza in modo graduito con fornitura di tutti i servizi annessi e connessi

  2. Lo stesso accade con i giocatori e se non accettano la miseria dell’ingaggio vengono messi fuori rosa e hai più giovani viene fatta terra anche bruciata intorno. L’allenatore non ha di questi problemi; anzi!
    Questo è lo scotto da pagare per chi ha consegnato il titolo della D in mano a degli stranieri.

  3. Variano non dimentica

    La stessa cosa non sarebbe potuta succedere ad Isernia. Sarà stata questo particolare a far pendere la bilancia verso la fusione con Piedimonte e non Isernia?
    Intanto anche i giornalisti locali vengono imbavagliati da un atteggiamento dispotico ed arrogante

  4. E inutile fare tante chiacchiere le cose si sanno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.