Ultim'ora
foto di repertorio

Vairano Patenora – Truffa ed estorsione, il PM chiede 7 anni di reclusione per l’imputato

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Vairano Patenora – E’ stata durissima la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero a carico dell’imputato: 7 anni di reclusione. Una richiesta che è stata sostenuta anche dagli avvocati delle parti civili. Fra circa un mese ci sarà la discussione della difesa dell’imputato e quindi la sentenza a carico di Diego Caputo. L’uomo ha scelto di affrontare il processo con la formula dell’abbreviato che permette, in caso di condanna, di ottenere uno sconto sulla pena.  Caputo è ritenuto responsabile dei delitti di estorsione e truffa. L’indagine  iniziata  nel  mese  di  ottobre 2017, condotta mediante l‘acquisizione di riscontri documentali, accertamenti bancari e telematici nonché dichiarazioni testimoniali, ha consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato,  il quale ha posto in essere diverse condotte truffaldine ed estorsive a partire dall’anno 2014 e fino al mese di febbraio, da cui ha indebitamente tratto un ingiusto profitto quantificato in circa 170.000 euro.
L’indagato, con la falsa promessa d i procurare alla persona offesa un’occupazione lavorati va i n qualità di guardia giurata alle dipendenze dapprima dell’istituto d i vigilanza “Lavoro e Giustizia” e poi della società  “Rangers”,  millantando  rapporti  con  persone  influenti  tra  cui  un  presunto  giudice  e giustificando le continue richieste d i denaro attraverso la necessità di sovvenzionare le suddette società per impellenti spese amministrative e per la frequentazione di  più corsi di  specializzazione  di  cui forniva   falsi  attestati   di   conseguimento,   si   procurava inizialmente un ingiusto profitto pari a circa € 45.000,00 con pari danno per l ‘intera famiglia della persona offesa, somma che gli veniva consegnata in diverse tranches ed in denaro contante. Successivamente, mediante ripetute minacce consistite nel prospettare a carico della persona offesa l ‘esistenza di presunti procedimenti penali pendenti a suo carico presso il Tribunale d i Napoli, nonché la comminazione di sanzioni amministrative da parte del Ministero, della Guardia di Finanza, dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate, per asserite irregolarità riscontrate nelle procedure relative alle sue ipotetiche assunzioni presso i citati istituti di vigilanza, a fronte delle quali era necessario effettuare.
Copiosi versamenti in denaro per evitare pregiudizi penali, amministrativi ed economici, costringeva la persona offesa – la cui volontà era ormai definitivamente coartata dal le continue minacce subite – a consegnargli la ulteriore complessiva somma di denaro pari a circa euro  130.000,00, sempre in denaro contante, versamenti  frazionati  nel tempo. Per fare fronte alle continue richieste di denaro avanzate dall’indagato, la vittima  si  vedeva costretta ad impiegare tutte le risorse finanziarie di cui disponeva la sua intera  famiglia,  nonché  a ricorrere a numerosi prestiti bancari, alla vendita dei gioielli e dell’oro di famiglia ed a richiedere prestiti di denaro ad altri parenti. Particolarmente odiosa e ingannevole risulta la condotta posta in essere dall’indagato per la consumazione dei  delitti  ad  esso contestati.  Il predetto, creando appositi account di posta elettronica apparentemente  riconducibili ai  due istituti di vigilanza  di  cui  sopra  e  a  presunti  studi  legali  romani,  inviava  alla  persona  offesa  false comunicazioni di convocazione a colloqui  di  lavoro, falsi  contratti di  lavoro da sottoscrivere già vistati per la registrazione della Regione Campania, false attestazioni di frequenza di corsi di guardia giurata particolare e continue  richieste  di   denaro,  giustificate  dalla  necessità  di   anticipare  contributi previdenziali in vista di una presunta imminente assunzione, di pagare una presunta polizza assicurativa, di  saldare  quote  di  iscrizione  al  sindacato,  nonché  quale  prezzo  di   una  ipotetica  corruzione  d i   un pubblico funzionario che avrebbe anche fatto conseguire una patenti di guida di categoria superiore, di fatto mai ricevuta, nonché  di provvedere all’acquisto della divisa necessaria per esercitare il servizio di vigilanza privata. L’imputato, Diego Caputo, attualmente completamente libero, è difeso dall’avvocato Vincenzo Cortellessa.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Pietramelara – Abusò della nipotina di nove anni, in carcere dopo 15 anni

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Pietramelara – Lei era una bimba, aveva nove anni, e venne in vacanza, con la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.