Ultim'ora
foto di repertorio

Vairano Patenora / Teano / Calvi Risorta – Estorsioni e minacce con metodo mafioso, c’è il primo condannato

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Vairano Patenora / Teano / Calvi Risorta – Si è svolta, qualche giorno fa, l’udienza del processo a carico di Salvatore Salerno che ha scelto il rito abbreviato davanti al Giudice per le indagini Preliminari del Tribunale di Napoli. L’imputato è stato condannato a cinque anni di reclusione.  Era accusato di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Salerno, attualmente ai domiciliari, è coinvolto in una vicenda giudiziaria insieme ad altre sei persone, accusate vario titolo, di concorso in estorsione, consumata e tentata, lesioni personali, porto di strumenti atti ad offendere, tentata violenza privata e minacce. Si tratta di reati pluriaggravati, riuniti sotto il vincolo della continuazione, perpetrati nell’agro di Teano dal 2016 al dicembre 2018, e per i quali è stata ritenuta sussistente l’aggravante del metodo mafioso poiché commessi avvalendosi della forza di intimidazione che promana dal sodalizio camorristico de’ “i casalesi”. Mentre Salerno ha scelto il rito abbreviato, gli altri imputati stanno affrontando il processo con il rito ordinario.

Leggi anche:

Vairano Patenora / Teano / Calvi Risorta – Estorsioni e minacce con metodo mafioso, gruppo Aria sotto processo. La vittima conferma le accuse

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Capua – Maltrattamenti in famiglia, 2 arresti in 3 giorni: il brutto record di Tarallo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Capua –  Nuove accuse a carico di Nicola Tarallo, per fatti avvenuti alcuni mesi fa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.