Ultim'ora
foto di repertorio

Vairano Patenora / Acerra / Nola – Gestivano piazza di spaccio, il giudice conferma gli arresti

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Vairano Patenora / Acerra / Nola  – Il giudice ha convalidato l’arresto eseguito dai carabinieri qualche settimana fa, confermando, inoltre, anche le restrizioni della libertà dei due indagati. Per lui, Raffaele Rocco – originario di Nola – che secondo l’accusa dirigeva gli affari e organizzava lo spaccio, è stato confermato l’arresto in carcere. Per lei, Anna Romano – originaria di Acerra – che secondo l’accusa si occupava delle consegne, il giudice ha confermato gli arresti domiciliari. L’operazione è stata condotta dai carabinieri della stazione di Vairano Scalo, guidati dal maresciallo Palazzo che sorpresero la donna proprio mentre cedeva – nei pressi della villa comunale – 9 dosi di crack per un peso complessivo di gr.3,20 ad una acquirente che le corrispondeva la somma in denaro contante pari a 140 euro. La successiva perquisizione domiciliare, effettuata a carico della spacciatrice, presso l’abitazione occupata unitamente al convivente, consentì di rinvenire, sul tavolo della cucina, un bilancino di precisione e materiale in cellophane necessario per il confezionamento delle dosi, oltre a gr. 0,30 di crack, occultati in un mobile del salotto. I due indagati sono difesi dagli avvocati Vincenzo Cortellessa ed Emanule Sasso.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Alife / Piedimonte Matese – Poliziotto aggredito e picchiato, due fratelli sotto processo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Alife / Piedimonte Matese – Nulla di fatto, il processo è fermo. Un testimone chiave …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.