Ultim'ora
Pantaleo di Pilato

Mondragone – Uccise l’amico con 80 coltellate, mancano i testimoni

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Mondragone – Uccise l’amico, durante una lite, con 80 coltellate, in gran parte sferrate al collo e al volto. Un delitto crudele, consumato all’interno della casa della vittima, nel comune di Mondragone. Oggi l’assassino, Francesco Pernici, 80enne, era nuovamente davanti al giudice del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere; l’udienza però è saltata per l’assenza dei testimoni. Così il giudice ha fissato il ritorno in aula per il prossimo mese di marzo.  

La difesa dell’imputato:
In una udienza precedente, quella di qualche mese fa, l’imputato si è difeso affermando “di essere molto dispiaciuto per l’accaduto e che non voleva uccidere Pantaleo Di Pilato”.  L’assassino, inoltre, ha ricostruito il suo rapporto con la vittima – un rapporto fatto di amore e odio – chiarendo che la sera dell’omicidio fu costretto a difendersi dall’aggressione che la vittima attuò nei suoi confronti.  

La vicenda:
Francesco Pernici uccise l’amico Pantaleo Di Pilato, 90enne con una serie di coltellate al volto tanto che – scrive il perito nella sua relazione – il viso fu devastato.  “Per quanto attiene le lesioni al volto appare immediatamente evidente la vasta demolizione del viso provocata dall’uso di mezzo tagliente che, animato da forza viva, si è approfondito nei tessuti sottostanti lacerando, i tessuti molli (cute, sottocute e muscolo) sino ad evidenziare il tessuto osseo sottostante. AI volto l’azione demolitiva della lama rende evidente tutta l’emiarcata dentaria superiore ed inferiore e l’arcata inferiore di sinistra. Tranciato, dall’azione della lama, in due parti il padiglione auricolare di sinistra. Si segnala inoltre un taglio orizzontale che dalla regione zigomatica destra, passando sulle ossa nasali, recidendo anche le suddette ossa, giunge sino allo zigomo di sinistra. Trattasi di lesioni, che atteso il loro approfondimento nei tessuti sottostanti hanno interessato la componente vascolare, pertanto trattasi di lesioni idonee a determinare il decesso”. Questo e altro ancora ha spiegato il medico legale all’interno dell’ultima udienza che si è svolta presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Il giudice ha aggiornato l’udienza al prossimo mese di dicembre.
Un atroce delitto consumato fra mura domestiche, fra due vecchi amici. L’accusa ha ipotizzato l’aggravante della crudeltà. Al culmine di una lite Francesco Pernici, 80enne (difeso dall’avvocato Gabriele Gallo) uccise l’amico Pantaleo Di Pilato, 90enne. I due anziani si conoscevano e l’uomo era stato a casa della vittima, novantaquattrenne, e dopo una lite si scagliò contro Di Pilato con un taglierino infliggendo numerose coltellate. Lo lasciò in una pozza di sangue scappando per poi lui stesso confessare il delitto. Secondo la ricostruzione dei carabinieri guidati dal tenente colonnello Loreto Biscardi, l’omicida, ultraottantenne, mentre discuteva con la vittima per vecchi dissapori mai risolti venne, colto dall’ira, con un’arma uccise l’amico. Lasciò l’abitazione in viale Marechiaro, richiudendo la porta dell’appartamento alle sue spalle. Venne ritrovato dai carabinieri di Mondragone e poco dopo confessò il delitto.  La vittima, Pantaleo Di Pilato, aveva un rapporto molto stretto col suo aggressore. Era un uomo distinto e cordiale che passeggiava per le vie del lungomare mondragonese in compagnia del suo cane, un meticcio di piccola taglia.

Guarda anche

Piedimonte Matese / Alife – Schianto sulla provinciale, muore 19enne. Comunità in lutto

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese / Alife – Nella mattinata di oggi la commissione media ha certificato la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.