Ultim'ora

GALLUCCIO – Coronavirus, annullata la tradizionale festa gallucciana di Sant’Antonio Abate

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Galluccio (di Mario De Cubellis) – Dopo secoli di tradizione, la festa più attesa dell’anno, Sant’Antonio Abate, non si potrà svolgere come di consuetudine la sera del 16 gennaio a causa dell’attuale pandemia che non accenna a decelerare.

Non verranno accesi, quindi, i grandi fuochi che avrebbero allietato la serata in tutte le frazioni del comune a suon di musica, buon vino e prodotti tipici. Neanche durante l’ultima grande guerra la tradizione si era fermata. Osannata da tutti gli abitanti del comune, la festa di Sant’Antonio Abate richiamava anche i gallucciani che si trovano all’estero, oltre a tantissime persone dei paesi limitrofi. Niente trattori in festa carichi dei classici grandi “cipponi” (grossi pezzi di legno) e cortei di macchine a seguito. Il 17 dopo la messa, la processione avrebbe sfilato davanti i fuochi principali di S. Clemente che avrebbero accolto il Santo con la consueta “fiammata”, ottenuta con le piante di alloro che si infiammano.

Un duro colpo per gli abitanti del comune, un colpo al morale e allo spirito di una comunità che sta già vivendo una situazione abbastanza complicata a causa dell’attuale emergenza epidemiologica.

“EVVIVA SANT’ANTONIO” si sarebbe urlato per strade e piazze, “NEMICO DEL DEMONIO”.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

CAIANELO – Scuola media statale M. Bosco, segnaletica “Ingresso per carico e scarico alunni”, come dei “pacchi”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto CAIANELLO (di Scria) – Chi sa da quanti anni campeggia di fianco alla scuola media …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.