Ultim'ora

Tora e Piccilli / Roccamonfina / Pietramelara – Calcio violento, giocatore picchiato: vittima ritira la denuncia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Tora e Piccilli / Roccamonfina / Pietramelara – Il processo è estinto. La vittima, dopo aver ottenuto il risarcimento del danno, ha ritirato la querela. Insomma, la pace è fatta. La vicenda parte, qualche anno fa, dall’aggressione subita da un calciatore durante una sfida di calcio nello stadio comunale di Pietramelara. La vittima venne colpito al volto da un violento pugno. Per quei fatti era a giudizio l’aggressore, un calciatore del Pietramelara. L’episodio accadde durante la sfida fra la squadra  del Tora e il Pietramelara che militavano nel campionato di promozione. Un episodio gravissimo che, ancora una volta, evidenzia le gravi problematiche che pesano sul mondo del calcio. Soprattutto mette in evidenza l’incapacità da parte del sistema di cacciare dai campi di calcio persone indegne di praticare questo sport. La vittima, Angelo Cirelli, giovane atleta del Tora, originario di Roccamonfina subì gravi lesioni al volto. Ora, la stessa vittima, assistito dall’avvocato Gabriele Gallo, ha deciso di ritirare la denuncia ponendo fine alla vicenda giudiziaria.

leggi anche:

Tora e Piccilli / Roccamonfina / Pietramelara – Follia sul campo di calcio, sferra pugno in faccia all’avversario: naso fratturato, labbro spaccato e dente rotto

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Vairano Patenora – Malore improvviso, muore coordinatore Lupi del Vairo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Vairano Patenora – E’ stato stroncato, circa una ora fa, da un malore improvviso – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.