Ultim'ora

Gioia Sannitica / Alvignano / Casagiove / Piedimonte Matese – Appalti truccati, perito del pubblico ministero sotto torchio

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Gioia Sannitica / Alvignano / Casagiove / Piedimonte Matese – E’ stata una udienza lunghissima, quella che si è svolta alcuni giorni fa nell’aula bunker del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nell’ambito del processo nato dall’indagine Assopigliatutto.  Sul banco dei testimoni è salito il perito tecnico nominato dalla Pubblico Ministero. Ha risposto alle domande degli avvocati difensori degli imputati. La relazione del perito si è concentrata particolarmente sulle gare di appalto che si svolsero ai comuni di Gioia Sannitica, Alvignano e Piedimonte Matese. L’interrogatorio del perito è partito alle ore 10 del mattino per concludersi intorno alle ore 18. Al termine il giudice ha rinviato l’udienza al prossimo mese di febbraio per sentire altri testimoni indicati dal pubblico ministero.

La vicenda:
Tutta la vicenda si snoda, sostanzialmente, tutto intorno alla turbata libertà del contraente aggravata e continuata in relazione agli appalti per la nettezza urbana affidati alla Termotetti dai comuni di Alvignano, Piedimonte Matese e Casagiove. Al centro delle contestazioni, i presunti favori concessi alla Termotetti dagli amministratori comunali dell’Alto Casertano. Per il gip Ivana Salvatore, che firmò a settembre del 2016, 7 arresti in carcere e 13 ai domiciliari, i bandi di gara venivano confezionati su misura per scoraggiare eventuali concorrenti della Termotetti, colosso del settore ambiente. L’iter giudiziario ha subito una brusca battuta d’arresto in fase di Riesame, con una serie di annullamenti motivati con la necessità di «approfondire i riscontri» alle dichiarazioni delle due controverse figure che, con le loro rivelazioni, stanno determinando, dal 2015, una serie di inchieste sulla pubblica amministrazione in tutta la provincia di Caserta: Antonio Scialdone e Alberto Di Nardo. Sull’intera vicenda sono arrivate, alcuni mesi fa, le prime sentenze di condanne (leggi articolo) per coloro che hanno scelto il rito abbreviato. Per il resto delle persone coinvolte nell’inchiesta, la parola passa ai giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che dovranno analizzare le posizioni dei singoli imputati, che sono:
Luigi Imperadore, 51 anni di Gioia Sannitica, patron della Termotetti;
Francesco Raucci, 45 anni di Caserta;
Antonella Tedesco, 39 anni di Gioia Sannitica, titolare della Termotetti;
Vincenzo Cappello; 52 anni, ex sindaco di Piedimonte Malese;
Pietro Terreri, 51 anni di Prata Sannita, ex dirigente del Comune di Piedimonte Matese;
Ernesto Palermiti, 59 anni di Caserta;
Raffaele Macchione, 66 anni di Parete;
Antonio Menditto, 48 anni di Pietramelara;
Luciano Sorbo, 40 anni di Casapulla;
Francesco lavazzi, 50 anni di Caserta, titolare della Impresud;
Giuseppe Simonetti, 60 anni di Piedimonte Matese;
Angelo Di Costanzo, 55 anni, ex presidente della Provincia di Caserta ed ex sindaco di Alvignano;
Simone Luigi Giannetti, 55 anni, ex assessore del Comune di Alvignano;
Vincenzo Mario Franco, 63 anni, di Baia e Latina;
Domenico Marra, 58 anni di Castel Campagnano;
Claudio Del Muto, 65 anni di Piedimonte Matese;
Gennaro D’Onofrio, 63 anni di Pomigliano d’Arco;
Giuseppe Imperatore, 54 anni di Caserta;
Antonio Manca, 63 anni di Caserta;
Fabio Menditto, 50 anni di Casagiove;
Gaetano Rauso, 63 anni, dirigente del Comune di Casagiove;
La Procura contesta agli indagati di aver costruito su misura i bandi per l’affidamento del servizio di raccolta rifiuti nei comuni di Piedimonte Matese, Alvignano e Casagiove per favorire proprio la Termotetti del ‘dominus’ Luigi Imperadore. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Paolo Falco, Gennaro lannotti, Angelo Raucci, Carlo Madonna, Romolo Vignola, Giuseppe Stellato. Amedeo Barletta,  Marco Monaco,  Gaetano D’Orso, Camillo Irace.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

RIARDO – “Un posto sicuro per giocare”, l’appello dei ragazzi al sindaco

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Riardo – Il paesino ai piedi del Monte Maggiore non sembra essere un centro a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.