Ultim'ora
foto repertorio

Piedimonte Matese / Alife / Gioia Sannitica – Spaccio di droga: sei giovani sotto processo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Piedimonte Matese / Alife / Gioia Sannitica – Si è svolta, qualche settimana fa, una nuova udienza del processo a carico di sei persone, tutte del Matese, accusate di Spaccio di droga. Si è trattato di una udienza lampo nella quale il giudice ha dovuto prendere atto dell’assenza di alcuni testimoni e rinviare tutto al prossimo mese di febbraio. Gli imputati, in sostanza, sono accusati, a vario titolo, di spaccio di sostanze stupefacenti nell’area del Matese. I fatti per i quali dovranno essere giudicati avvennero a cavallo fra il 2008 e il 2009.  Sul banco degli imputati ci sono Francesco Bianco (di Alife), Giovanni Puzone e il fratello Nicola (di Piedimonte Matese), Davide Romano Pellegrino e Alessio Vitale (di Gioia Sannitica), Giuseppe Di Caprio (di Piedimonte Matese). Sono tutti accusati di spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione fu condotta dai carabinieri della compagnia del Matese. Nell’ultima udienza è stato ascoltato proprio uno dei carabinieri che seguì le indagini. L’udienza è stata aggiornata al prossimo mese di giugno per ascoltare altri testimoni chiamati dalla pubblica accusa. Nel collegio difensivo figurano, fra gli altri, gli avvocati Dario Mancino, Angelo Raucci e Mirra.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Caserta / Aosta – Evasione fiscale per 16milioni di euro, nei guai tre imprenditori casertani

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto CASERTA / AOSTA – Nell’ambito di un’indagine di polizia economico-finanziaria coordinata dalla locale Procura della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.