Ultim'ora
foto di repertorio

Carinola / Mondragone / Francolise – Guerra del “Caro estinto”, la Cassazione conferma l’arresto

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Carinola / Mondragone / Francolise – I giudice della Cassazione hanno respinto la richiesta di annullamento dell’ordinanza cautelare a carico di Pietro Cirella, 44 anni, originario di Francolise, finito agli arresti domiciliari per tentata estorsione. Il titolare di un’agenzia funebre è accusato, insieme con Eugenio Gallucci, di aver minacciato un “concorrente”. In relazione ad entrambi i delitti è stata ritenuta la sussistenza dell’aggravante del metodo mafioso. Il provvedimento nasce da un’indagine avviata nel novembre 2019 dai Carabinieri di Carinola a seguito della presentazione di una denuncia da parte del titolare di un’agenzia di servizi funebri con sede a Santa Maria la Fossa in relazione a una serie di atti intimidatori posti in essere al fine di impedirgli lo svolgimento della propria attività imprenditoriale sul territorio nel quale già operava uno degli indagati. L’avvocato di Cirella, dopo che il Riesame ha confermato l’impianto accusatorio ai danni del suo assistito e del complice, ha proposto ricorso alla Cassazione contestando la ricostruzione effettuata dai carabinieri. Ma per la Seconda Sezione della Cassazione “la motivazione del Tribunale è perfettamente logica e coerente con le risultanze processuali nella parte in cui ritiene che tra la denuncia presentata dalla vittima e quella presentata da Cirella non vi sia alcun collegamento, non fosse altro che perché riguardano soggetti diversi e perché comunque non relativa ad un episodio estorsivo, visto che, secondo l’ordinanza impugnata, la vittima si sarebbe limitato a chiedere una percentuale a Cirella per fargli organizzare il funerale; peraltro, non essendo stata prodotta dalla difesa la denuncia presentata da Cirella, il motivo sul punto è generico, posto che in tema di ricorso per cassazione, sono inammissibili, per violazione del principio di autosufficienza e per genericità, quei motivi che, deducendo il vizio di manifesta illogicità o di contraddittorietà della motivazione, e, pur richiamando atti specificamente indicati, non contengano la loro integrale trascrizione” si legge nelle motivazioni.  Relativamente al concorso di Cirella nel reato di tentata estorsione, continua, “la motivazione del Tribunale è contenuta in tutta l’ordinanza impugnata, secondo cui Cirella si era avvalso di “Galluccio Eugenio condannato in via definitiva per l’appartenenza al succitato clan Esposito di Sessa Aurunca, al fine di esercitare pressioni e attività intimidatorie nei confronti del Gravino, che svolge la sua stessa attività nel medesimo circondario, con l’obiettivo di sbaragliare la concorrenza e conquistare il predominio nel settore dei servizi funebri del Comune di Carinola.

Leggi ancora:

Carinola / Mondragone – Guerra del “Caro estinto”, arrestati Cirella e Galluccio: estorsioni e minaccia alla concorrenza

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Sessa Aurunca – Tragedia a Piedimonte, l’ultimo viaggio di Antonio

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Sessa Aurunca – Si sono svolti oggi pomeriggio, domenica 25 luglio 2021, di Antonio Palmieri, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.