Ultim'ora

Caserta – Municipio, il Sindaco non si “pronuncia” durante consiglio comunale: è la fine della maggioranza

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Caserta – La maggioranza di Carlo Marino non c’è più. Almeno nei numeri. Oggi il voto sulla salvaguardia di bilancio nel consiglio comunale virtuale per la pandemia da Covid-19, ha fotografato una situazione che era già apparsa chiara nei mesi scorsi. Con l’avvicinarsi delle elezioni amministrative, c’è chi inizia a prendere le distanze dall’attuale maggioranza, cercando una nuova agibilità di manovra.

In tale ottica va letta la presa di posizione di Italia Viva, che conta in consiglio comunale ben 5 esponenti (Mario Russo, Giovanni Megna, Roberto Peluso, Pasquale Antonucci e Gianfausto Iarrobino) che ha dichiarato di essere pronta a “lavorare ad un progetto alternativo”. Parole che, però, sono seguite da un’assenza al momento del voto sulla delibera finanziaria (dai debiti fuori bilancio alla salvaguardia) che lasciano una strenua speranza al sindaco di poter recuperare il dialogo. E, forse, proprio questo spiraglio di luce ha spinto Marino a non parlare per tutta la seduta, limitandosi solo a votare col resto della (fu) maggioranza: mai, in questi 4 anni e mezzo di consiliatura, il Sindaco aveva evitato di intervenire su un documento contabile rispetto alle critiche ricevute, come del resto ha fatto notare lo stesso consigliere Filippo Mazzarella.

Marino ha evitato di rispondere per evitare di incrinare ancor di più il rapporto con Italia Viva: ha incassato, da “buona scuola democristiana”, ed a fine consiglio comunale era quasi soddisfatto della posizione assunta dai renziani sul bilancio. “Quello era un intervento per votarmi contro” ha commentato riferendosi alle parole di Mario Russo coi consiglieri che erano presenti a Palazzo Castropignano. Lasciando intendere che c’è ancora margine di trattativa.

Ma il problema c’è ed oggi è esploso in toto. Perché i numeri parlano di soli 15 voti sulla salvaguardia di bilancio (Liliana Trovato, dopo aver votato i debiti fuori bilancio, era assente sul documento contabile). Meno della metà dei consiglieri di Caserta (32 più il Sindaco). Un segnale che Italia Viva voleva far emergere nel momento in cui, necessariamente, dovrà essere fatta una riflessione in vista delle elezioni amministrative del prossimo anno. Il secondo partito del centrosinistra alle scorse regionali che prende una distanza così netta dal Partito democratico dovrà portare necessariamente Marino ad ascoltare le loro richieste, se non si vuole rischiare di spaccare il centrosinistra. Un nodo che potrebbe diventare di difficile soluzione, soprattutto se dovessero essere messe sul tavolo “rinunce” ad alleanze con pezzi di centrodestra che sono ancora parte “attiva e forte” della coalizione di Marino (Mimmo Guida e Donato Tenga in primis). Quello stesso centrodestra che, anche oggi, ha dato un’altra mano a Marino, assentandosi quasi in toto dal consiglio comunale. Solo Roberto Desiderio e Stefano Mariano sono stati presenti costantemente alla seduta, mentre Riccardo Ventre si è “visto a tratti”. Non pervenuti gli zinziani di “Caserta nel cuore”: Nicola Garofalo, Alessio Dello Stritto ed Emilianna Credentino, insieme a Massimiliano Marzo, hanno preferito non prendere proprio parte alla discussione. Una “latitanza” notata già in altre occasioni nei consigli comunali “decisivi” per le sporti dell’amministrazione comunale del capoluogo.

 

Guarda anche

Piedimonte Matese – Furti di opere d’arte, tre persone indagate

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Il riserbo sull’inchiesta condotta dai carabinieri del Nucleo Patrimonio Artistico Territoriale è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.