Ultim'ora

Riardo – I progetti che fanno “scuola”: 50mila euro per trasformare una strada in piscina di fango (il video)

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Riardo – Circa 50mila euro spesi per “riuscire” a trasformare una strada in una piscina di fango. C’erano una volta i fossi, piccoli ma utilissimi canali capaci di convogliare l’acqua piovana in torrenti più grandi. Erano capaci da soli, i fossi, di evitare allagamenti, smottamenti, in sostanza sono alla base della corretta gestione idrogeologica del territorio. La cura dei fossi era un impegno costante per tutti. (guarda il video)
Oggi, purtroppo, sono spesso abbandonati, quindi si ostruiscono  riversando l’acqua nei terreni, nelle case, sulle strade. Ci sono poi delle amministrazioni comunali molto “lungimiranti” che i fossi li coprono per progetto. E sono pure progetti costosi. (guarda il video)
Il municipio riardese potrebbe essere preso come “caposcuola” nella “sepoltura” dei fossi. E sono progetti anche costosi. Basta pensare che per trasformare la strada che va a Fontana di Monte, in una piscina di fango, l’amministrazione riardese ha speso circa 50mila euro. In precedenza aveva “sepolto” i fossi lungo via Carboni. Insomma, autentici campioni di dissesto idrogeologico. (guarda il video)

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Teano – Versano, acquedotto colabrodo. Da 6 giorni nessuno interviene

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Teano – Da circa una settimana una perdita nella condotta della rete idrica comunale riversa …

un commento

  1. Un’altra perla vergognosa di questa amministrazione comunale.I riardesi quando incominciano ad aprire gli occhi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.