Ultim'ora

Pignataro Maggiore / Teano – Coronavirus, il vescovo Cirulli contagia le suore di clausura. Convento in isolamento

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Pignataro Maggiore / Teano  – Ora c’è la certezza: alcune suore del convento di San Pasquale di Pignataro Maggiore sono state contagiate dal Covid19. Il convento è in isolamento come previsto dal protocollo speciale. Il veicolo del contagio delle suore di clausura del convento di San Pasquale di Pignataro Maggiore, importante centro dell’Agro Caleno, sembra essere stato proprio sua eccellenza il vescovo di Teano, Giacomo Cirulli, risultato positivo al Covid19 alcuni giorni fa e attualmente ricoverato in ospedale. Infatti il vescovo frequentava regolarmente quel convento per le pratiche spirituali necessarie e previste dall’ordinamento. Il vescovo Cirulli nel suo “peregrinar” avrebbe avuto contatti con le suore pochi giorni dopo aver contratto il virus, probabilmente, presso il convento di Tora e Piccilli dove partecipò ad una cerimonia religiosa.

Leggi anche:

Teano – Diocesi, vescovo contagiato: “fatale” la cerimonia nel convento di Tora e Piccilli. Fedeli allarmati

Teano – Coronavirus, peggiorano le condizioni di salute del vescovo: Cirulli ricoverato in ospedale

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Santa Maria Capua Vetere – Esplode bomba carta al Consorzio Unico di Bacino. Indagano i Carabinieri

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Santa Maria Capua Vetere (di Dario Cerullo) – In questa sera di lockdown, con le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.