Ultim'ora

Patente sospesa? Ecco come fare ricorso per rimetterti alla guida

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Chi sbaglia paga, è proprio questa la norma etica per la quale a volte può capitare che ci venga tolta la patente. Dal momento in cui veniamo sanzionati così pesantemente, però, non possiamo metterci più alla guida, almeno fino a quando non interveniamo legalmente per annullare la sospensione.

La legge è chiara al riguardo: in seguito a una contravvenzione grave delle regole della guida, la patente ti può essere tolta, e quindi sospesa l’autorizzazione di guidare, per una durata precisa che va da qualche mese fino a due anni come limite massimo. Perché questo avvenga, ovviamente, dovresti aver commesso un errore davvero grave.

Soltanto in alcuni casi, questa sospensione può rivelarsi limitata: tipo quando guidare ti è indispensabile per recarti al lavoro oppure per motivi di salute gravi, come il doverti recare tutti mesi in una clinica fuori città per degli esami. Nonostante ciò, si può avere un permesso speciale concesso dalle forze dell’ordine che vale unicamente per i casi sopracitati.

Questo vuol dire che, se anche rientri in una casistica speciale, se sei beccato a guidare al di fuori dei permessi consentiti, le conseguenze saranno ancora più gravi di una semplice sospensione. In questo caso, potrebbe esserti ritirata del tutto la patente, in maniera perenne.

Per saperne di più su questo argomento molto complesso, ti consigliamo di leggere le informazioni contenute nel portale Avvocato Facile.

Questo portale è nato con una idea ben precisa:fare da intermediario virtualmente tra gli utenti che hanno bisogno di una consulenza legale e gli stessi avvocati.

L’iscrizione al portale è assolutamente gratuita: iscrivendosi si avrà la possibilità di richiedere un preventivo personalizzato, sempre gratuito, e che andrà a rispondere alle personali esigenze di ognuno.

Ma questo portale è anche un’occasione, sempre in modalità gratuita, per un avvocato che ha voglia di pubblicizzarsi e di farsi conoscere da tante persone in più, sfruttando uno strumento importante e fertile quale è il web.

Ora però continuiamo a parlare di sospensione della patente, di cosa dovresti non fare per evitare problemi con la Legge e rispettare le norme della strada e di cosa fare, al limite, per bloccare la sospensione, nel caso in cui tu venga sanzionato per qualsiasi motivo.

Quali sono le casistiche in cui ti può essere sospesa la patente di guida?

Hai violato il codice della strada? Non è detto che la sanzione peggiore sia una semplice multa, potrebbe senza dubbio capitarti di peggio, in base a quanto si riveli grave il tuo errore. Infatti, oltre alla multa, i carabinieri e i vigili urbani hanno il potere di sospenderti la patente, togliertela del tutto, rimuovere il tuo mezzo, che potrai riavere successivamente al pagamento di una penale o addirittura, nel caso peggiore di tutti, il carcere.

La maggior parte delle volte, la sospensione della patente avviene in concomitanza con una multa. In questi casi parliamo di violazioni abbastanza gravi, ma non gravissimi. Ecco quali sono le violazioni che potrebbero farti sospendere la patente:

  • hai guidato ubriaco e sei stato fermato da una volante per un controllo?
  • un pedone si è lanciato sulla strada mentre passavi e dunque l’hai preso in pieno? In questo caso, si parla di omicidio colposo, non con intenzione
  • usavi lo smartphone mentre guidavi e quindi non hai entrambe le mani sul volante?
  • sei stato fermato dalla volante mentre guidavi, ma non avevi la patente con te?
  • hai causato un danno molto grave a un altro veicolo e non è la prima volta che capita, ma almeno la seconda nel giro di soli due anni? Sei recidivo, eh!

La durata della sanzione può variare in base alle decisioni del prefetto, il quale dovrà prendere in considerazione alcuni elementi tra i quali:

  • livello della gravità del danno che è stato causato
  • eventuale pericolo di continuare la circolazione
  • i valori massimi e minimi che sono stabiliti dal C.D.S

Bisogna ricordare una cosa molto importante: andranno rispettati dei tempi di notifica e questo significa che se la persona in questione riceverà la comunicazione con un certo ritardo, potrà fare ricorso attraverso l’avvocato.

Quest’ultimo sarà molto importante per spiegare la situazione alla persona e suggerirle eventuali mosse da fare.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Rinnovare guardaroba da uomo: facile, economico e veloce con lo shopping online

Tempo di lettura stimato: 3 minuti Quanto è importante acquistare capi d’abbigliamento nuovi ogni tanto? La risposta è “moltissimo”. Ma fare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.