Ultim'ora
Luca Branco

CAPUA – Il Sindaco addita gli operatori ecologici del Cantiere R.S.U. : i componenti chiedono chiarimenti

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

CAPUA – Il Cantiere R.S.U. chieda al Sindaco della città, Luca Branco, di chiarire le allusioni che egli aveva espresso nella recente video conferenza, chiedendo anche di non puntare il dito contro gli operatori ecologici del cantiere capuano. Ecco la dichirazione dei lavoratori del Cantiere R.S.U. :

In data 26 ottobre il Sindaco di Capua, durante la consueta video diretta, accusa alcuni operatori ecologici di rallentare le attività di raccolta e che il tutto avvenga in concomitanza con la notifica delle bollette della TARI, alludendo che vi sia una volontà, sempre da parte di qualche operatore ecologico, di creare difficoltà al “SISTEMA”.

Le dichiarazioni del Sindaco ci sorprendono ma allo stesso modo sono un campanello di allarme preoccupante per coloro i quali si alzano la mattina presto per svolgere il proprio dovere.

Ci sorprendono perché prima di accusare gli operatori ecologici il Sindaco fa un elenco dettagliato, mostrando tanto di documento, del numero di inefficienze presentate dal parco automezzi.

Ci preoccupano perché qualche cittadino possa credere davvero che la causa dei notevoli disagi al servizio di raccolta sia dovuta al rallentamento di qualche operatore ecologico.

Per cui è bene chiarire subito qualche piccolo dettaglio sfuggito al Sindaco.

Le precarie condizioni in cui operano i lavoratori sono note a tutti, lo testimoniano le numerose note inviate al Comune e all’azienda prima che venisse dichiarata in fallimento, alle quali non è mai giunta alcuna risposta, e riguardano alcune importanti carenze rappresentate dal parco automezzi, che ricordiamo è utilizzato quotidianamente da più di 4 anni, per cui necessita di una maggiore e continua manodopera, gli stessi sono stati allocati presso un cantiere che dista circa 8 km, anche questa segnalata al Comune, anch’essa inevasa, per cui, le varie operazioni di carico e scarico per forza maggiore sono rallentate, inoltre, alcuni operatori, soprattutto in questo ultimo periodo, sono assenti per malattia, e si spera che tra di loro non vi siano positivi al Covid-19.

Tutte queste problematiche sono presenti già da diverso tempo sul cantiere di igiene urbana di Capua, non comprendiamo il nesso con le bollette? Che peraltrole ricevono anche gli operatori, essendo residenti nel medesimo Comune.

Secondo Noi il Sindaco trascura un elemento fondamentale:

questi operatori sono gli stessi che coraggiosamente hanno operato nel periodo peggiore della pandemia, sono gli stessi che raccoglievano e tutt’ora raccolgono i rifiuti a quei nuclei familiari posti in quarantena, con gli stessi automezzi che vengono descritti dal Sindaco nella video conferenza stampa, sono gli stessi che sopperiscono alle problematiche strutturali di un’azienda, che ricordiamo in fallimento in esecuzione provvisoria, compiendo ore di straordinario e doppi turni e nonostante non abbiamo un luogo idoneo dove cambiarsi e/o lavarsi con enorme senso del dovere svolgono il servizio quotidianamente per la Città di Capua.

A Nostro avviso gli operatori ecologici di Capua andrebbero apprezzati, piuttosto che accusati, peraltro con la solita strategia utilizzata anche in passato, unicamente per spostare l’attenzione su altri soggetti.

Invitiamo pertanto il Sindaco alle doverose e pubbliche scuse, oppure a fare i nomi di coloro i quali rallentano le attività di raccolta dei rifiuti, mossi da chissà quale regista occulto,perché riteniamo che sia giusto salvaguardare la faccia di tutti gli operatori ecologici di Capua.

Ci congediamo porgendo un consiglio al Sindaco di Capua:

piuttosto che diffondere messaggi privi di ogni fondamento e mettere in seriorischio la sicurezza degli operatori ecologici che potrebbero essere accusati ingiustamente anche dall’utenza, si impegni seriamente per la riapertura dell’isola ecologica, la quale dopo numerosi ed inutili proclami, resta ancora chiusa al pubblico.

 

 

Guarda anche

Marcianise / Caserta – Movida violenta, 5 giovani condannati: 6 anni “fuori dai locali”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Marcianise / Caserta – Il Questore della Provincia di Caserta  ha emesso cinque provvedimenti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.