Ultim'ora

Aumentano irritazioni e dermatiti al viso a causa della mascherina: come difendersi?

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

In questi mesi le mascherine, purtroppo, sono diventate un oggetto quotidiano e molto familiare per quasi tutti gli italiani. Spesso si è parlato delle conseguenze a livello di salute: fra tesi relative alle possibili difficoltà respiratorie e pronte smentite scientifiche, è stato però sottovalutato un problema decisamente più concreto, ovvero le irritazioni e le dermatiti causate dal contatto prolungato con questi dispositivi. Sono infatti tantissimi gli italiani che soffrono di queste problematiche: vediamo dunque perché e come prevenire le fastidiose irritazioni cutanee legate ad un uso prolungato della mascherina.

Cosa succede al viso se si porta tutto il giorno la mascherina?

Qualsiasi tessuto, sia esso naturale o meno, dopo un contatto prolungato sul viso può diventare deleterio, per via del continuo sfregamento con la pelle. Per quanto concerne le mascherine nello specifico, indossarle per diverse ore di fila crea condensa, e di conseguenza questo aumenta il grado di umidità della cute. Chi ha sofferto di funghi dermatofiti, sa già che ad una maggiore umidità cutanea corrisponde anche un maggiore rischio di irritazione e (appunto) di infezioni. Le zone di contatto dove la mascherina è più tesa, poi, in certi casi possono provocare anche delle ulcere di pressione, sebbene si tratti di situazioni non così comuni.

Come lenire la pelle irritata dalla mascherina

Sono diversi i segni lasciati dalle mascherine, come nel caso delle irritazioni e dei rossori cutanei, insieme al prurito e alle dermatiti da contatto. In certi casi, un uso prolungato delle maschere può anche causare la nascita di veri e propri sfoghi cutanei, ed è per questo che conviene intervenire in via preventiva. Per lenire la pelle irritata dalla mascherina, si consiglia quindi innanzitutto di utilizzare i prodotti per il viso che siano da farmacia, scegliendo ad esempio i detergenti e le creme dalle spiccate proprietà lenitive e idratanti, e un inci sicuro e controllato. Anche le creme in grado di riequilibrare il livello di sebo sono ottime, dato che gli incarnati con pelle mista o grassa sono spesso i primi a riscontrare problemi di irritazione cutanea. Infine, esistono dei rimedi naturali ottimi, come il gel di aloe vera, con le sue proprietà lenitive ideali per la pelle arrossata. In sintesi, ogni ingrediente con forti proprietà emollienti e idratanti può essere utile a curare la pelle.

Come prevenire le irritazioni

Prevenire è certo sempre meglio che curare, ed è uno slogan che si adatta perfettamente anche al nostro caso. Per prima cosa, si consiglia di adottare una skin care quotidiana attenta e meticolosa, scegliendo dei prodotti delicati, dunque in grado di pulire la pelle ma senza aggredirla o stressarla più di tanto. In secondo luogo, è bene spargere sul viso una crema emolliente prima di indossare la mascherina, come quella al burro di karité: il suo scopo? Creare una pellicola protettiva lenendo al tempo stesso la cute irritata, così da svolgere una funzione 2 in 1.

L’uso prolungato delle mascherine, sebbene non provochi alcun problema di respirazione, può certo irritare la pelle: con i consigli visti oggi, però, evitare questi problemi sarà davvero semplice.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

L’importanza di avere siti performanti nell’era del business online

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Ormai il business è un fattore di rete: sempre più il web è il terreno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.