Ultim'ora

Vairano Patenora – Il 118 come “Stranamore”. Litiga con la moglie e si sente male: arriva l’ambulanza, fanno pace e subito sta meglio.

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Vairano Patenora – I medici del 118 non curano solo il corpo. Sanno “aggiustare” anche i sentimenti. Potrebbe essere riassunta così la vicenda avvenuta oggi nel territorio del comune di Vairano Patenora. Alla centrale operativa arriva una chiamata, è la richiesta di intervento per un uomo colto da malore. L’ambulanza parte dalla postazione di Caianello a sirene spiegate. In pochi minuti raggiunge il paziente. L’uomo aveva accusato un malore durante un acceso litigio con la consorte. L’equipaggio del 118 scende, il medico da uno sguardo veloce al paziente, scambia con lui qualche parola, poi, rivolgendosi alla coppia avrebbe (in sostanza) detto: non è niente, basta fare pace. I due coniugi, senza esitare si sono abbracciati e baciati. E tutto è svanito, in un battibaleno. Non sembrano esserci dubbi: un intervento in perfetto stile “Stranamore” (il famoso programmo per cuori infranti condotto da Castagna). Altro che 118!

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Piedimonte Matese – Calcio, la Fc Matese surclassata a Campobasso. Urbano: loro troppo superiori (il video)

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – I due allenatori, Corrado Urbano e Mirko Cudini, parlano subito dopo la …

un commento

  1. Speriamo che non diventi un’abitudine , che le ambulanze hanno casi più importanti dove andare, che perdere tempo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.