Ultim'ora
foto di repertorio

Roccamonfina / Cellole / Castello Matese – Si vota per scegliere 14 sindaci

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Roccamonfina / Cellole / Castello Matese –  In provincia di Caserta si vota per il rinnovo di 14 consigli comunali ed altrettanti sindaci. I Comuni al voto con popolazione superiore ai 15 mila abitanti sono Marcianise, San Nicola la Strada e Trentola Ducenta. Otto quelli compresi tra 5 mila e 15mila abitanti: Arienzo, Casagiove, Cellole, Cesa, Grazzanise, Macerata Campania, San Cipriano d’Aversa e Santa Maria a Vico.
T
re i comuni con meno di 5mila abitanti: Castel Campagnano, Castello del Matese e Roccamonfina. Il numero di abitanti serve a determinare il sistema di elezione del sindaco. Nei Comuni con popolazione sino a 15mila abitanti, l’elezione dei consiglieri comunali si effettua con sistema maggioritario, contestualmente alla elezione del sindaco, in base al quale la lista che ottiene più voti vince. Con la lista dei candidati al consiglio deve essere indicato il nome del candidato alla carica di sindaco e il programma amministrativo. Nella scheda, dunque, a fianco del contrassegno, è indicato il nome del candidato sindaco. Ogni elettore può votare per il candidato sindaco, segnando il relativo contrassegno; esprimere un voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere, rientrante nella lista collegata al sindaco prescelto, scrivendo il cognome del consigliere nella riga stampata sotto il medesimo contrassegno. Nei Comuni con popolazione compresa tra 5.000 e 15.000 abitanti, ciascun elettore può esprimere uno o due voti di preferenza, scrivendo il cognome di non più di due candidati compresi nella lista collegata al candidato alla carica di sindaco prescelto. Nel caso di espressione di due preferenze, si deve rispettare l’alternanza di genere.
A Marcianise, San Nicola la Strada e Trentola Ducenta che hanno più di 15 mila abitanti sono previsti ballottaggio e voto disgiunto. Il sindaco è eletto a suffragio universale e diretto, contestualmente all’elezione del consiglio comunale, e con sistema a maggioranza assoluta, per cui risulta vincitore il candidato sindaco che ottiene il 50% più uno dei voti validi. Se nessun candidato raggiunge tale quorum, si passa al secondo turno che si svolge, nella seconda domenica successiva a quella del primo, tra i due candidati che hanno conseguito più voti, si tratta di domenica 4 ottobre. Per i candidati ammessi al turno di ballottaggio restano fermi i collegamenti con le liste per l?elezione del consiglio dichiarati al primo turno. Tuttavia, questi hanno facoltà, entro sette giorni dalla prima votazione, di dichiarare il collegamento con ulteriori liste rispetto a quelle del primo turno. Ciascun elettore può, con unico voto, votare per un candidato alla carica di sindaco e per una delle liste ad esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste. L’elettore può anche votare per un candidato alla carica di sindaco non collegato alla lista prescelta, tracciando un segno sul relativo rettangolo e il cosiddetto voto disgiunto. Anche in questo caso con la lista di candidati al consiglio comunale deve essere anche presentato il nome e cognome del candidato alla carica di sindaco e il programma amministrativo da affiggere all’albo pretorio. Ciascuna candidatura alla carica di sindaco è collegata ad una lista di candidati alla carica di consigliere comunale, comprendente un numero di candidati non superiore al numero dei consiglieri da eleggere e non inferiore ai tre quarti. I candidati consiglieri sono proclamati eletti secondo l’ordine delle rispettive cifre individuali, costituite dalla cifra di lista aumentata dei voti di preferenza. A parità di cifra, sono proclamati eletti i candidati che precedono nell’ordine di lista. Il primo seggio spettante a ciascuna lista di minoranza è attribuito al candidato alla carica di sindaco della lista medesima. La grande novità delle elezioni amministrative, regionali e referendum del 2020 sono le prescrizioni sanitarie da osservare durante la votazione: distanziamento, igienizzazione delle mani e uso della mascherina durante le operazioni di voto.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Palazzo Ducale, la provincia vuole vendere: cercasi studentessa 25enne con 620mila euro

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – L’ente Provincia di Caserta vuole vendere la sua parte di Palazzo Ducale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.