Ultim'ora

SANTA MARIA LA FOSSA – L’associazione “Nero e non solo!” fa appello alle istituzione e agli enti coinvolti per ultimare il progetto “Fattoria Meta”

SANTA MARIA LA FOSSA – Squarciamo il silenzio che è sceso sui Beni Confiscati e la lotta alle mafie! Le istituzioni spezzino l’inerzia che ha fatto perdere i fondi alla Fattoria Sociale “Meta”. Tra la calura estiva e l’emergenza Covid-19 rischiano di passare sotto silenzio attentati incendiari e responsabilità burocratiche, che entrambe distruggono anni ed anni di lavoro delle associazioni sui terreni confiscati al Clan dei Casalesi. Prima la messa a fuoco di diversi ettari di grano nella masseria Abbate, poi l’incendio nella “Balzana” a Santa Maria la Fossa, ora l’incendio ai capannoni dell’Euromilk a San Marcellino, ma anche, come se non bastasse, la revoca di 1.400.000 euro per “La fattoria Meta per l’accoglienza e l’integrazione di immigrati” che l’Autorità di Gestione del PON Legalità 2014/2020 del Ministero dell’Interno ha disposto per il Comune di Santa Maria la Fossa. Inerzia e silenzio costituiscono il terreno in cui le mafie riprendono forza. “Nero e non solo!” ha realizzato sui terreni confiscati ai camorristi Francesco Schiavone detto Cicciariello e ad Aniello Bidognetti, un impianto elicicolo, per l’allevamento delle chiocciole per scopi alimentari e per l’estrazione della bava. In dieci anni centinaia di studenti e volontari provenienti da tutt’Italia, durante i campi di lavoro estivi insieme a giovani rifugiati politici accolti dall’associazione, hanno tenuto fertile il terreno e costruito l’impianto che oggi ha appena iniziato a creare lavoro .Abbiamo scritto al Ministro dell’Interno, al Presidente della Regione Campania, al Prefetto di Caserta, al Sindaco del Comune di Santa Maria la Fossa, alla responsabile dell’Autorità di gestione del Pon legalità 2014-2020 e al presidente di Agrorinasce, che nel 2011 affidò i terreni all’associazione. Il progetto “Fattoria Meta” prevedeva la costruzione di una fattoria sociale e la riqualificazione dell’intera area affidata all’associazione. Un progetto innovativo sul piano della sostenibilità ambientale e architettonico sviluppato da un gruppo di architetti vincitrici di un concorso pubblico. Il Comune di Santa Maria La Fossa, una volta realizzata la fattoria, ne sarebbe stato il proprietario. Oggi la delusione è fortissima. In questi ultimi anni la fattoria “Meta” ha rappresentato il sogno che poteva diventare realtà, il possibile segno concreto del riscatto di un intero territorio. La fattoria avrebbe portato a compimento gli investimenti che l’associazione ha già realizzato attraverso i finanziamenti della Fondazione con il Sud, la Chiesa Valdese, il 5 per mille e i contributi dei volontari che hanno partecipato ai campi e dei fondi raccolti dallo Spi CGIL per le attività dal 2011 ad oggi. Più di 80.000 euro, senza considerare gli anni di impegno volontario profusi in questi ultimi 9 anni. Lo abbiamo fatto, con la consapevolezza che per cambiare le cose non sarebbero bastati i proclami ma che fosse necessario, sporcarsi faticosamente le mani nella terra e sotto il sole. Abbiamo realizzato i campi della legalità “Terra di lavoro e dignità”, con l’ARCI Nazionale in collaborazione con lo Spi, la CGIL e tante altre organizzazioni locali e nazionali, facendo conoscere la storia, le difficoltà ma anche la ricchezza, la dignità e la voglia di riscatto del nostro territorio, a centinaia di giovani e adulti di diverse parti d’Italia.

Senza la fattoria Meta, non avremo più il laboratorio per l’estrazione e la trasformazione della bava di lumaca, il ricovero degli attrezzi agricoli, la possibilità della guardiania, l’accoglienza dei lavoratori stranieri, gli spazi didattici per i percorsi di educazione alla legalità. Nero e non solo! da quasi 30 anni è impegnata nella provincia di Caserta per promuovere i diritti degli immigrati per una società aperta e giusta. In tutti questi anni il dialogo interculturale, la lotta alla tratta degli esseri umani e allo sfruttamento lavorativo e sessuale sono stati al centro del nostro agire quotidiano. Nove anni fa ci siamo assunti la responsabilità di costruire su terreni confiscati un’esperienza di antimafia sociale per coniugare il rispetto dei diritti dei braccianti agricoli, l’agricoltura sociale e l’educazione alla legalità. In questi giorni ci siamo più volte chiesti: A cosa sono servite le migliaia di ore di impegno sotto il sole, il sudore e la fatica di tanti volontari, di centinaia di giovani provenienti da tante città d’Italia e non solo? A cosa sono serviti gli sforzi economici per provare a dare una opportunità, un futuro ai giovani braccianti rifugiati? A cosa sono serviti gli sforzi compiuti per ripristinare i danni dovuti ai danneggiamenti, furti, incendi dolosi, di cui siamo stati vittime sul terreno in questi anni? NO! Non possiamo accettare questo epilogo. Non lo possiamo accettare, soprattutto, perché questa non sarebbe solo una nostra sconfitta ma di tutte le persone della società civile che lottano e si impegnano quotidianamente contro le mafie, il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti. La perdita di questo finanziamento rappresenta una sconfitta non solo per Santa Maria la Fossa, ma per tutta la provincia di Caserta. Un’altra opportunità persa per la provincia di Caserta, già martoriata da mille problemi. Chiediamo alle istituzioni e agli enti coinvolti di compiere il massimo sforzo per risolvere questa situazione, recuperare il finanziamento e realizzare l’opera. Abbiamo incontrato la Prefettura ed il Comune di Santa Maria La Fossa sollecitandoli a fare il possibile per recuperare il finanziamento. Siamo ancora in attesa di una risposta positiva. Chiediamo alle persone, agli operatori dell’informazione, alle organizzazioni del lavoro e al terzo settore di essere al nostro fianco per spingere le istituzioni e la pubblica amministrazione a non abbandonare l’impegno sui beni confiscati. NON TORNEREMO AL PASSATO E OGNI GIORNO CONTINUEREMO A COMBATTERE AFFINCHE’ LA NOSTRA PROVINCIA SIA “TERRA DI LAVORO E DIGNITÀ.”questa l’appello dell’Associazione “Nero e non solo!” O.n.l.u.s. un’associazione di promozione sociale, antirazzista e antifascista, indipendente e senza fini di lucro.

ECCO L’ ESTRATTO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA DEL PROGETTO FATTORIA META:

Premessa:

La realizzazione della Fattoria rappresenta un manifesto di procedure virtuose ed esempio di buone pratiche per il riuso dei beni confiscati. Il progetto dello studio Centola & Associati – Mosaico Vegetale – è risultato vincitore del concorso denominato “Dal degrado alla bellezza” bandito da Agrorinasce in collaborazione con i Comuni aderenti al Consorzio, la Facoltà di Architettura dell’Università Federico II di Napoli e la Facoltà di Ingegneria della SUN di Caserta, con il patrocinio di Confindustria Caserta e degli Ordini degli Architetti e Ingegneri di Caserta. Il recupero e la valorizzazione del bene è stato approvato e finanziato dal Ministero dell’Interno, nell’ambito del PON Legalità 2014/2020 per l’importo di euro 1.400.000,00. La progettazione esecutiva è stata completata ad Aprile 2019.

Finalità:

La Fattoria Sociale “Meta”, nel comune di Santa Maria La Fossa, è realizzata su un terreno confiscato alla camorra affidato all’ Associazione “Nero e non solo!”, già parzialmente utilizzato per allevare lumache. La finalità dell’intervento è rendere operativo il progetto di riuso sociale del bene confiscato per potenziare le attività di educazione alla legalità, la partecipazione della comunità e l’attività agricola. L’idea della Fattoria, pensata come un “Mosaico Vegetale”, è l’integrazione nel paesaggio agricolo, innescando la partecipazione costante della comunità alla vita e all’evoluzione di un’opera architettonico-paesaggistica aperta, attraverso la coltivazione e la cura di 2700 vasetti. I vasetti, in numero uguale agli abitanti del piccolo comune agricolo casertano, sono integrati tra le facciate dell’edificio e contengono essenze tipiche per produrre cibo biologico: erbe aromatiche, ortaggi, piccoli frutti… L’obiettivo funzionale e sociale dell’opera è di offrire ai concessionari del bene confiscato una serie di spazi, servizi e opportunità, incluse quattro camere doppie per accogliere e integrare al meglio i lavoratori e i collaboratori.

Gli interventi:

La sistemazione paesaggistica delle aree esterne che accolgono parcheggi, spazi per il tempo libero, un pioppeto e un orto biologico. Il terreno sarà inoltre liberato da due volumi esistenti abusivi e fatiscenti. Il piano terra ospiterà un’area porticata per accogliere i visitatori; nella hall di ingresso, sarà allestita con una piccola zona per l’esposizione e la vendita dei prodotti tipici, in comunicazione con un open space di oltre 132 mq per la sistemazione di tavoli per le degustazioni o per scopi didattici, culturali e laboratoriali. Una parete attrezzata in legno, con ripiani espositivi a diverse altezze, completa l’arredo di questo accogliente spazio polifunzionale. Adiacente a questa è prevista un’aera di servizio con cucina, bagni, locali tecnici, spogliatoi per i lavoratori, sala lavorazione lumache, sala estrazione della bava. Una scala in cemento conduce al piano superiore dove sono previsti ulteriori spazi riservati per l’ospitalità̀ e a servizio del terrazzo panoramico che può̀ essere usato per eventi, laboratori didattici, degustazioni, incontri e attività̀ spontanee di aggregazione. Al primo piano sono previste due camere con bagno privato, bagni comuni e una hall dotata di un piccolo angolo cottura con piastra a induzione.

Tecnologie e impatto ambientale:

La Fattoria Sociale può essere definita “edificio ad energia quasi zero”. Le tecnologie principali utilizzate per la struttura sono la pompa di calore, sistemi di illuminazione a LED ed una innovativa architettura di gestione domotica della struttura basata sulla tecnologia IoT. L’edificio, inoltre, è dotato di un impianto fotovoltaico con potenza totale pari a 8.000 kW. Le scelte progettuali e dei materiali impiegati è stata operata volendo assicurare la massima sicurezza, durabilità̀, sostenibilità̀ e bellezza con costi di realizzazione, manutenzione e gestione contenuti al minimo indispensabile. Il progetto prevede soluzioni ad hoc per il superamento delle barriere architettoniche.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Teano / Vairano Patenora – Migliori scuole della provincia: nell’Alto Casertano bene Alberghiero Teano e Professionale Vairano. Male tutte le altre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.