Ultim'ora
foto di repertorio

Caserta – Furto, truffa, ricettazione e il  riciclaggio di autoveicoli: sequestro per oltre 4milioni di euro. Anche 35 immobili

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Caserta – In  data  15  settembre  2020,  all’esito  di  mirati  accertamenti  economico-patrimoniali,  delegati   da questa Procura della Repubblica  e,  dopo  una  prolungata  istruttoria  in  contraddittorio  con  la  parte,  il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Sezione Misure  di  Prevenzione  ha  d isposto  la  confisca  di  beni mobili e immobili, nonché di partecipazioni societarie e relativi compendi aziendali, per un valore  stimato  in circa 4,3 milioni di euro, nella disponibilità di F.U., cl.’70, ritenuto collocabile all’interno della categoria criminologica dei soggetti dediti  a traffici delittuosi e/o di coloro che vivono, anche in parte, con i proventi dell’attività  delittuosa.  Il provvedimento di confisca è stato eseguito da parte dei militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Aversa, nelle seguenti località: Castel Volturno, Villa Literno, Frignano e Minturno (in provincia di Latina).
L’indagine costituisce l’epilogo di un’articolata attività investigativa svolta dalle Fiamme  Gialle  e coordinata da  quest’Ufficio  giudiziario,  finalizzata  alla  ricostruzione  del  profilo  di  pericolosità  sociale  del F.U.  e  all’individuazione  dei  proventi  illeciti  che  gli  hanno  permesso  un  ingiustificato  arricchimento personale e l ‘accumulazione  nel  tempo di un  ingente patrimonio.  Il F.U. è stato, infatti, riconosciuto quale soggetto connotato da una marcata pericolosità sociale alla luce del suo coinvolgimento, nel periodo 2000-2014, in molteplici procedimenti giudiziari concernenti, in particolare, numerosi  e diversi delitti prevalentemente  a sfondo patrimoniale,  quali furto, truffa, ricettazione e il  riciclaggio di autoveicoli. Sulla base di queste evidenze, già nel marzo del 2018 ve111va sequestrato il patrimonio nella disponibilità del F.U. e iniziava cosi una prolungata fase istruttoria dinanzi al collegio giudicante che, esaminate le molteplici deduzioni difensive  e gli esiti degli ulteriori approfondimenti investigativi svolti, riconosceva la pericolosità sociale del proposto, disponendo la confisca delle quote societarie e relativi complessi aziendali di n. 4 imprese, operanti in diversi settori, quali la vendita al dettaglio di  articoli medicali ed ortopedici, gestione di Bar, nonché di intennediazione immobiliare; di n. 35 immobili (ubicati nelle province di Caserta), nonché delle disponibilità finanziarie presenti in numerosi conti correnti, conti di deposito (n.10) e altri investimenti finanziari, intestati allo stesso e a soggetti al l ui stesso riconducibili.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

CESA – Coronavirus, bimbo positivo: allarme in tutte le scuole della città

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto CESA – Positivo al covid, a Cesa, un bambino di 5 anni. Il sindaco Enzo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.