Ultim'ora

Alife / San Potito Sannitico – Spaccio di droga, i Cappello minacciano i proprietari di un ristorante per recuperare i solidi: “ti devo uccidere zuzzuso”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Alife / San Potito Sannitico –   “… a quel drogato di tuo figlio lo devo legare dietro alla macchina e lo devo strascinare per terra come dico io, come dico io, se non mi porti i soldi entro domani sera…”. Le indagini svolte dai carabinieri della compagnia del Matese – che hanno condotto, alcuni giorni fa, all’arresto di cinque persone – hanno evidenziato le azioni messe in campo dalla famiglia Cappello contro i titolari di un noto ristorante di Alife il cui figlio, secondo i Cappello, aveva un grosso debito con loro maturato dall’acquisto di stupefacente. Minacce formulate telefonicamente per convincere i genitori a pagare il dovuto. Ma l’imprenditore e sua moglie non si lasciano intimidire e in alcuni passaggi emerge come si prendano gioco dei Cappello.  Tutto registrato in una lunga conversazione telefonica, abbastanza animata in quanto gli indagati CAPPELLO Valerio e LUCIANI Silveria, pretendevano, anche con minacce, l’importo di 2.200 euro, a loro dire dovuto per precedenti consegne di sostanza stupefacente al figlio del ristoratore.  “… a quel drogato di tuo figlio lo devo legare dietro alla macchina e lo devo strascinare per terra come dico io, come dico io, se non mi porti i soldi entro domani sera…”, questa è una delle tante minacce che Cappello muove verso il padre del suo cliente. Ma l’uomo si difende bene tanto che in una circostanza, per difendersi, è lui a minacciare Cappello: “… adesso che ti acchiappo Valerio ti schiatto tu vali meno di zero…..”. Cappello non si lascia certo intimorire e replica: “…. ti devo uccidere, tu non ti preoccupare vieni qua, ti devo uccidere zuzzuso….”

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Caserta – Regionali, il Pd elegge solo Oliviero, le strategie di Cimmino che hanno penalizzato Graziano

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Caserta – Dopo ogni  elezione è giusto fare la così detta “analisi del voto”. Queste …

un commento

  1. Che vergogna, anche per la giustizia che condanna solo chi gli fa comodo, arrestate anche chi compra come il soggetto in questione,l’arresto delle 5 persone è giustissimo e mi fa piacere che si inizia fare un po’ di pulizia, ma denunciate anche il noto ristoratore poiché ha ricambiato la minaccia, e arrestate il figlio perché ormai è solo un problema per la società fa solo guai ed è un pericolo pubblico,deve ringraziare la famiglia che lo spalleggia altrimenti varrebbe meno di zero, fa tanto il riccone e poi fa solo debiti e mette la vergogna in faccia alla famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.