Ultim'ora

Pignataro Maggiore – Centro per il Libro e la Lettura,  emanato Avviso Pubblico per la qualifica de “Città che Legge”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Pignataro Maggiore (di Bartolo Mercone) – Il Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali e d’intesa con l’Associazione Nazionale Comuni d’Italia, ha emanato un Avviso Pubblico rivolto a tutte le Amministrazioni Comunali della penisola per ottenere la qualifica de “Città che Legge”. Tutto ciò allo scopo di riconoscere e certificare la crescita socio-culturale di una comunità locale e di sostenere la diffusione della lettura come valore ampiamente condiviso e, soprattutto, elemento in grado di influenzare, in termini positivi, la qualità della vita sia a livello collettivo sia individuale. Pignataro ha risposto al bando e da oggi può fregiarsi del titolo di “Città che Legge”, grazie al riconoscimendi Cepell (Centro per il Libro e le Lettura), Marchio che valorizza e promuove le amministrazioni comunali che, con continuità, svolgono sul territorio politiche di promozione del Libro e della Lettura. Un titolo che viene attribuito alla nostra “Città” (una delle poche in Provincia di Caserta), già “Paese della Musica” – ha dichiarato il capogruppo di “Ricoloriamo Pignataro” Lia Adduce- “che premia le iniziative svoltesi nel corso degli ultimi quattro anni, le quali hanno sostenuto ed incentivato la cultura nei suoi molteplici aspetti. Ciò consentirà al nostro Comune di partecipare a bandi per l’attribuzione di contributi economici, premi ed incentivi per le biblioteche presenti sul nostro territorio e per ulteriori iniziative. Per ottenere il riconoscimento indispensabile era la sinergia tra scuola, associazioni, biblioteca e  librerie del nostro paese. Insieme abbiamo promosso iniziative tali da renderci meritevoli del titolo”.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

Piedimonte Matese / Napoli – Concorsi, il difensore Civico della Campania accusa: pressioni di Loffreda per “sistemare il proprio figlioccio”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese / Napoli – Il difensore civico della Campania, Giuseppe Fortunato, denuncia possibili brogli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.