Ultim'ora

IL BLITZ – Estorsioni e usura, interessi al 275%: tre arresti  

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Napoli – Nella mattinata odierna, militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare e un decreto di sequestro preventivo, per un valore di circa 400 mila euro, nei confronti di 3 soggetti gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di usura ed estorsione ai danni di 9 imprenditori operanti in diverse Regioni (Campania, Toscana, Lombardia e Veneto). In carcere finiscono: SORRENTINO Antonio, nato a Napoli in data 02.12.1963, indagato in ordine alle seguenti ipotesi di reato: a. art. 644 c.p. (usura aggravata), b. art. 629 c.p. (estorsione), c. art. 110 c.p. (concorso).  VESTITI Giancarlo, nato a Lecce in data 19.12.1962, indagato in ordine alle seguenti ipotesi di reato: a. art. 644 c.p. (usura aggravata), b. art. 629 c.p. (estorsione), c. art. 110 c.p. (concorso).  Agli arresti domiciliari: CASTALDI Gennaro, nato a Napoli il 29/11/1967, indagato in ordine alle seguenti ipotesi di reato: a. art. 644 c.p. (usura aggravata), b. art. 629 c.p. (estorsione), c. art. 110 c.p. (concorso). I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli, al termine di una complessa indagine delegata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Settima sezione – alla Compagnia di Torre del Greco, a seguito di una denuncia presentata da due imprenditori operanti nel settore della commercializzazione del corallo. Sulla base degli elementi acquisiti attraverso indagini tecniche e documentali, emergevano condotte illecite ascrivibili ai soggetti sottoposti agli arresti dato che sono stati riscontrati prestiti usurari per oltre 3 milioni di euro a diversi operatori economici in stato di necessità, con interessi fino al 275% su base mensile. La stessa Compagnia della Guardia di Finanza di Torre del Greco ha, inoltre, proceduto, nei confronti dei soggetti tratti in arresto, all’applicazione della misura cautelare patrimoniale sul profitto del reato di usura, consistente negli interessi usurari concretamente percepiti, per un importo di circa 400 mila euro, provvedendo al sequestro di denaro in contanti o depositato su conti correnti e, per equivalente, degli immobili a loro riconducibili. Unitamente all’esecuzione dei menzionati provvedimenti, sono in corso a Napoli e Milano altre perquisizioni presso le abitazioni e le sedi aziendali utilizzate dagli indagati.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Pignataro Maggiore – Comunali, Magliocca e il suo “#Perchécambiare”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Pignataro Maggiore (di Libera Penna) – “#Perchécambiare” è questo l’hashtag della maggioranza uscente, che si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.