Ultim'ora

Pietramelara –  Video sorveglianza ed efficientamento energetico: partiti i lavori

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Pietramelara –  Le difficoltà causate dall’emergenza Coronavirus  non hanno impedito al Comune di Pietramelara, guidato dal sindaco Pasquale dai Fruscio di dare il via all’ambizioso piano di videosorveglianza che i cittadini attendevano da anni.  A dire il vero sulla questione “video sorveglianza” nel passato, quando alla guida dell’Ente c’era la vecchia amministrazione, ci sono state parecchie “ombre” tanto che il servizio non era mai partito. Con la maggioranza attuale finalmente si realizza concretamente un nuovo programma, rivolto a garantire una maggiore sicurezza e il contestuale risparmio energetico. I lavori hanno preso concretamente il loro normale corso di attuazione. “Puntiamo ad aumentare i controlli sui fenomeni di microcriminalità, sugli atti di vandalismo, sull’abbandono incontrollato dei rifiuti oltre a rilevare eccessivi assembramenti pericolosi per la diffusione del virus” precisa il Sindaco Di Fruscio. Le rilevazioni video avverranno non nel pieno rispetto della normativa regolamentare approvata dalla amministrazione per garantire, secondo i limiti stabiliti, anche le esigenze della privacy.  Pietramelara ha realizzato un sistema di videosorveglianza del territorio comunale e dei palazzi comunali per la tutela del patrimonio pubblico, la prevenzione e repressione di attività illecite, il controllo e il miglioramento della viabilità urbana. Il sistema è collegato a una centrale operativa per la visualizzazione e il controllo delle immagini, collocata presso il Comando della Polizia Municipale annesso ad un sistema di acquisizione e memorizzazione. Il Sindaco ha chiarito che “stiamo già  installando le videocamere nei punti nevralgici, sia stradali del paese, che nelle aree pubbliche maggiormente frequentate: nella villa comunale, nell’area scolastica, nei vari parchi del territorio, nei pressi del poliambulatorio e in tutta l’area intorno alla casa comunale per una maggiore sicurezza, pur restando centrale il ruolo delle forze dell’ordine e la collaborazione dei cittadini”. L’impianto di video sorveglianza integra peraltro l’altro progetto di efficientamento energetico sulla pubblica illuminazione, rivolto a ottenere quel risparmio economico che è assolutamente necessario per il Comune per potere conservare l’illuminazione pubblica senza “tagli”; diversamente, a causa della pesante situazione finanziaria in cui versa il Comune non si riuscirebbe a garantire il servizio in tutte le strade. Il progetto, approvato dagli enti di controllo e delle autorità che lo hanno finanziato, ha previsto la sostituzione dei punti luce con nuovi apparecchi a LED, in linea con la normativa europea. Con questa misura l’Ente riuscirà ad ottenere non solo la riduzione sui costi di gestione dell’illuminazione ma anche la riduzione dell’inquinamento luminoso nel rispetto dei nuovi parametri illuminotecnici. A fine lavori, grazie ad un risparmio di energia del 75 / 80 per cento della spesa storica, il Comune calcola di mantenere accesi tutti i lampioni senza dovere operare riduzioni sul servizio. La realizzazione progettuale per il Comune è praticamente a costo zero perché viene finanziata interamente con fondi del Ministero.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

MARZANO APPIO – Operatori ecologici chiedono assunzione a tempo pieno

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto MARZANO APPIO (di Nicolina Moretta) – Gli operatori ecologici del Comune di Marzano Appio chiedono …

2 commenti

  1. Complimenti al Sindaco e a tutta l’amministrazione.

  2. Grazie, preferisco gli uomini del fare, i leader veri al posto dei quaqquaraqquà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.