Ultim'ora

MATESE – Parco Regionale del Matese, vari punti interrogativi sui motivi dei ritardi che rimandano l’effettiva operatività del nascente Parco “Nazionale” del Matese

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

MATESE – Al Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare: premesso che con legge 27 dicembre 2017, n. 205 (legge di bilancio per il 2018), ai commi 1116 e 1117 dell’articolo 1, veniva istituito e anche finanziato, il “Parco Nazionale del Matese”, il quale si estende in una vasta area montana fra Campania e Molise. Attualmente, parte dell’area è interessata dal “Parco Regionale del Matese” che riguarda il versante afferente ai territori delle province di Caserta e di Benevento. Con l’istituzione del “Parco Nazionale”, quindi, derivano le conseguenti necessità di concertare ed ottimizzare il trasferimento di competenze, funzioni e risorse. Allo stato attuale, non solo il nuovo ente Parco nazionale non si è ancora formalmente costituito, ma vi è anche una comprensibile preoccupazione degli amministratori e degli operatori agricoli del territorio, preoccupati legittimamente sull’avanzamento delle procedure, sulla incertezza e dilatazione dei tempi di realizzazione, sulle nuove ed ancora ignote regolamentazioni del nuovo ente, che potrebbero pregiudicare investimenti nel comparto agricolo e turistico, sulla sostenibilità ambientale e di come essa possa conciliarsi con il “reddito territoriale” per le imprese che operano nell’entroterra. Così, si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo voglia dare conto dei motivi di ritardi e lungaggini che rimandano sempre più l’ effettiva operatività del nascente Parco nazionale del Matese; con l’auspicio che si vogliano coinvolgere le amministrazioni locali ed i corpi intermedi rappresentativi delle attività economiche dell’area nella risoluzione delle problematicità e delle criticità che, evidentemente, comportano questa formidabile e sorprendente dilatazione dei tempi; anche al fine di ipotizzare la creazione di zone di sviluppo agricolo ove avvantaggiare la zootecnia, l’agricoltura di montagna e il turismo rurale, necessità comunque avvertita a prescindere dal piano parco in corso d’essere.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Teano – Mercato settimanale, Compagnone conferma: non voglio saperne più niente

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Teano – “Non ho partecipato ad alcuna riunione. Non so se si è svolta ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.