1

Sant’Angelo D’Alife / Napoli – Il pizzaiolo scrive a De Luca: riaprire le pizzerie gioverebbe all’economia e all’animo di tanta gente

Sant’Angelo D’Alife  / Napoli – Un artigiano, un pizzaiolo di Sant’Angelo D’Alife –  Marco Conte –  scrive a Vincenzo De Luca, governatore della Campania per complimentarsi con lui per lo straordinario lavoro che sta facendo, ma anche per spiegargli che riaprire le pizzerei porterebbe tanti vantaggi, soprattutto all’animo di tanti che adorano le pizze

“Caro Presidente De Luca,
le scrivo questa lettera innanzitutto per complimentarmi con lei, in quanto abbiamo il Presidente che tutte le regioni vorrebbero avere, e poi per esporle il mio modesto punto di vista. Avendo io una piccolissima pizzeria da asporto in provincia di Caserta (Sant’Angelo d’Alife) mi faccio portavoce di tutte le persone che nel mio paese, e in quelli limitrofi, sono costretti oltre che a fare i conti con questo dannato virus, anche con una realtà che affligge un po’ tutti i campi: la crisi economica. Capisco tutte le sue preoccupazioni in quanto una “ricaduta” potrebbe essere letale, e tutte le precauzioni necessarie per poter riaprire una qualsiasi attività, ma volevo comunque dirle la mia. Che senso ha riaprire le cartolibrerie con le scuole chiuse? Sarebbe un po’ come riaprire una piscina nel mese di novembre. Non pensa invece che, chiaramente muniti di tutto punto e anche più di tutte le attrezzature necessarie, possa essere più utile, e addirittura conveniente all’economia della regione far lavorare le pizzerie da asporto? Le ripeto che non sono qui a darle consigli, né tantomeno, in un mondo già pieno di politici, virologi ed economisti, fare la parte della persona onnisciente. Ma sono sicuro che riaprire suddette attività, oltre che all’economia, gioverebbe anche all’animo di chi una pizza non vede l’ora di mangiarla. Stiamo d’altronde parlando di ciò che ci ha reso famosi, invidiati e apprezzati in tutto il mondo: LA PIZZA. Sicuro di una sua risposta le rinnovo i miei complimenti, la mia STIMA e la mia FIDUCIA, cosa assai rara da provare per un politico di questi tempi. Cordiali saluti, Marco”.