Ultim'ora

Cesa – Allarme Ossiuri a Cesa, scuole vuote, i genitori chiedono l’intervento delle autorità competenti

Cesa – Allarme Ossiuri in paese, scuole vuote per timore del contagio. Al momento non c’è nulla di certo se non la voce di un caso accertato dall’ospedale  Santobono di Napoli dove un genitore ha portato a visitare il proprio figlio, dopo aver trovato questi vermiciattoli nelle feci del piccolo. Il piccolo frequenta la scuola materna della comunità. Essendo che gli Ossiuri si trasmettono con molta facilità attraverso il contatto diretto, i genitori questa mattina, saputo della voce del piccolo cesano, non hanno portato i loro piccoli a scuola. I gruppi wattsapp bollono per chiedere informazioni certe che per il momento non ci sono. Sempre secondo voci, pare che sia stata allertata anche l’asl di competenza ed addirittura pare che il piccolo visitato dai medici del Santobono, ha avuto una certificazione che attesti questa problematica. Nulla è stato confermato ma nemmeno smentito. Una psicosi che si e creata nella comunità cesana ed i genitori allarmati chiedono con forza, sia al dirigente scolastico che all’amministrazione comunale, di intervenire celermente affinché si possa creare un ambiente sicuro nelle scuole locali per i piccoli cesani.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Roccamonfina – Coronavirus, giovane militare di Roccamonfina in isolamento al San Rocco di Sessa

Roccamonfina –  E’ un uomo di Roccamonfina, il militare giunto al pronto soccorso di Sessa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.