Ultim'ora

TEANO – DI BENEDETTO RICORDA IL DUOMO DI TEANO NEL 75° ANNIVERSARIO DELLA SUA DISTRUZIONE

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

TEANO – Il bellissimo Duomo di Teano, orgoglio e vanto di ogni cittadino teanese, fu massacrato dai bombardamenti americani il 6 ottobre 1943. Restò in piedi, gravemente lesionato, solo il Cappellone di S. Paride in travertino, ma dopo alcuni giorni, cadde a terra pure quello. Dell’antico edificio restò  un mucchio di rovine: uno spettacolo che stringeva il cuore.  Oggi, in occasione del 75° anniversario di quel triste evento, Luigi Di Benedetto ci ricorda la maestosità e la bellezza dell’antica cattedrale di Teano, che aveva il titolo di S. Giovanni ante portam latinam, con un interessante libro edito da Caramanica: “Il Duomo di Teano distrutto nell’ottobre del 1943”. Un libro da leggere con attenzione per  scoprire i  suoi vescovi diventati Santi (S. Paride, S. Amasio, S. Urbano, S. Terenziano),  il Crocifisso trecentesco di scuola giottesca, le sfingi di granito rosa provenienti da un tempio di Iside,  le reliquie di San Terenziano, il corpo di Santa Reparata, le interessanti epigrafi, la ricca decorazione pittorica delle navate e delle cappelle laterali, le preziose tele, gli affreschi figurati, il coro ligneo, gli angioletti ormai scomparsi e le undici cappelle laterali ormai distrutte. Il libro ha proprio questo scopo:  far conoscere le bellezze andate perdute a causa dei bombardamenti alleati, ma anche la storia della cattedrale e il valore di quanti hanno contribuito a farla rinascere: il cardinale Bartolomeo D’Avanzo, il pittore Rinaldo Casanova, mons. Gennaro Aspreno Galante. Sono tante le notizie interessanti che mi piacerebbe ricordare in quest’articolo, ma non mi è possibile. Ricordo però che la cattedrale di Teano nasce alla morte di S. Paride nel IV sec. d. C., quando furono costruite due cattedrali: quella di San Paride “ad fontem” e quella “intra moenia” che doveva custodire le spoglie del santo.  E’ su quest’ultima che si concentra Luigi Di Benedetto nel suo libro, dove ricorda i bellissimi affreschi dipinti dal Casanova sulla facciata, i vescovi S. Paride Ateniese,  S. Amasio il Greco, S. Urbano Teanese, San Giovanni, Santa Reparata e lo stemma di Pio IX. Tra i gioielli presenti in cattedrale, oltre al Crocifissi trecenteschi, ricorda le  tre bellissime tele di Francesco Di Mura (La gloria di S. Paride, La fuga in Egitto, San Martino e il povero), il monumento sepolcrale di Antonio De Renzis che si era distinto nella presa di Patrasso contro i Turchi nel 1625, la cappella del Purgatorio, costruita nel 1658 in seguito alla peste che colpì la città e tante altre curiosità storiche. Tra i segreti che custodiscono il tempio e il libro, infatti, ci sono certamente le reliquie di San Terenziano, nato a Teano e vescovo di Todi, Martire nel II sec.; i resti del corpo e le reliquie di San Paride, il corpo di Santa Reparata, scoperto sotto il vecchio altare di legno dedicato alla santa, il corpo di S. Amasio, nel cappellone.  Poi la scoperta del  “Celeste Senato Tutelare” di Teano: in esso siedono i Vescovi santi ed i Patroni. Un Quinquevirato Tutelare costituito da S. Paride, S. Amasio, S. Urbano, S. Terenziano e Santa Reparata.  E poi i santi affrescati nelle 16 arcate, nella cupola e sull’ambone, tra i quali S. Pietro, S. Silvestro, S. Paolo, S. Agostino, S. Tommaso, S. Alfonso, S. Giovanni, i quattro evangelisti, la Vergine Immacolata e i profeti Isaia, Daniele, Amos e Geremia.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Pignataro Maggiore – Il “tavolino giallo” e il grande cuore dei cittadini

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Pignataro Maggiore – In questo periodo di grande emergenza era doveroso potersi riunire in gruppo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.