Ultim'ora

Pietramelara – Spaccio di droga, Piscitelli e Nuccillo assolti: il fatto non sussiste

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Pietramelara – “Il fatto non sussiste”, con questa motivazione i giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha assolto due giovani di Pietramelara, accusati di spaccio di droga. Il Pubblico Ministero aveva chiesto una condanna a 6 anni e 11 mesi di carcere a carico di Federico Piscitelli e Demetrio Nuccillo. Per entrambi, invece, i giudici di primo grado hanno sentenziato l’assoluzione. La vicenda nasce da indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Sessa Aurunca che hanno potuto appurare la strategia criminale condotta dalla banda guidata da un giovane di Marzano Appio, deceduto durante un tragico incidente, durante la fase di indagine. Il gruppo era attivo da molto tempo, le indagini sono scattate nel 2014; ad accusare gli indagati ci sono le testimonianze di alcuni dei consumatori di droga in una vasta area compresa fra i comuni di Sessa, Roccamonfina, Marzano Appio, Teano e Pietramelara. Si conclude positivamente, quindi, la lunga vicenda giudiziaria che vedeva coinvolti  Piscitelli e Nuccillo, difesi dagli avvocati Ernesto De Angelis e Michele Mozzi.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Piedimonte Matese – Comune, Santopadre e Ottaviani non hanno dubbi: sindaco sempre più debole. Dimettiti

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Dopo le dichiarazioni di indipendenza dei quattro consiglieri di maggioranza, dopo gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.